rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Città Firenze

Curava il cancro con la vitamina C: falso oncologo condannato

Firenze: il falso medico è stato condannato a nove anni nel secondo processo d'appello dopo la morte di una donna. L'uomo aveva conseguito solo la terza media

FIRENZE - Era accusato della morte di Ilaria Ciampolini, che nel 1998 rifiutò la chemioterapia scegliendo di affidarsi alle sue cure. Marco Schiavazzi, 54enne "oncologo" naturopata, è stato condannato a nove anni di reclusione al termine del secondo processo d’appello.

Il falso oncologo era sprovvisto di qualsiasi titolo per svolgere quella professione avendo conseguito solo la terza media.

LA STORIA - La donna era affetta da un carcinoma al seno ma rifiutò la chemio perché in cerca di una gravidanza. Si affidò a Schiavazzi che la curò con dosi massicce di vitamine C e pratiche omeopatiche. La cura durò fino al ’99, quando la donna, insieme al marito, scelse di tornare alla chemio. Un ripensamento arrivato proprio in concomitanza della gravidanza tanto sperata. Una volta incinta, la donna decise di portare avanti la gestazione. Il brutto male però avanzò fino al 2002, quando Ilaria si spense a soli 36 anni.

IL PRIMO PROCESSO - Nel primo processo, il falso oncologo era stato condannato a 14 anni e nove mesi in primo grado, pena poi ridotta a nove in appello. La Suprema Corte, prima della condanna di ieri emessa da un diverso collegio, aveva deciso per l’annullamento con rinvio perché non risultava provato il rapporto fra le terapie prescritte e la morte della giovane donna. (da FirenzeToday)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Curava il cancro con la vitamina C: falso oncologo condannato

Today è in caricamento