rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Città Rimini

Si sente male mentre è in vacanza: 17enne positiva, era stata in discoteca con amici

Sono in tutto 40 le persone finite in quarantena a Rimini: contatti di una minorenne modenese risultata positiva dopo un ricovero in ospedale durante il soggiorno in Riviera Romagnola. Dopo i test risultati positivi altri due giovani emiliani

Due Ausl sono impegnate a contenere un possibile focolaio in Emilia Romagna dove una ragazza è risultata infetta mentre trascorreva una vacanza al mare in compagnia di alcuni amici, due dei quali risultati positivi dopo l'indagine epidemiologica.

L'allarme corre lungo la Riviera Romagnola dove una ragazza - dopo aver accusato forti dolori alle orecchie - si è presentata al pronto soccorso di Rimini: come da prassi è stata sottoposta al tampone diagnostico per scongiurare l'infezione da coronavirus ma il test ha dato esito positivo. È iniziato così l'incubo di una 17enne residente a Modena che si trovava a Riccione ospite con la madre da un'amica di famiglia: nessun allarme negli hotel quindi ma la giovane ha raccontato ai sanitari di aver trascorso una serata in una discoteca di Misano Adriatico

Immediata l’indagine epidemiologica fatta partire non solo dalla Ausl della Romagna, ma anche da quella di Modena, provincia da cui proviene la comitiva di amici che ha accompagnato la minorenne durante le giornate trascorse prevalentemente in uno stabilimento balneare. 

Coronavirus, positiva in discoteca: 40 in quarantena

Come spiega l'Ausl Romagna la 17enne è arrivata a Riccione il primo luglio. Il 13 luglio, dopo l'insorgere di alcuni sintomi, la paziente ha contattato la Guardia medica, che, seguendo il protocollo in essere ha visitato la paziente al domicilio ed effettuato il tampone, rivelatosi poi positivo. La paziente ha dunque fatto rientro nella città di residenza ponendosi in isolamento domiciliare sotto la sorveglianza sanitaria dell'Ausl di Modena. Immediatamente l'Igiene pubblica di Rimini dell'Ausl Romagna ha avviato l'indagine epidemiologica sul territorio individuando le persone con le quali la turista ha avuto contatti nei giorni della sua permanenza, che sono state a loro volta state poste in isolamento domiciliare e sottoposte a tampone.

Dai test sono emerse le 2 nuove positività - due ragazzi modenesi di 19 e 17 anni  - che avevano avuto contatti stretti con la prima paziente. "Si tratta di persone del tutto asintomatiche e, al momento, la situazione sembra possa considerarsi circoscritta" aggiunge l'Ausl. Anche questi pazienti hanno fatto ritorno in ambulanza nella città di residenza, dove restano in regime di isolamento domiciliare.

Come riporta il Corriere della Sera sono ben quaranta le persone individuate: tutti - alcuni residenti in Romagna altri a Modena - sono stati posti in isolamento per due settimane al termine delle quali dovranno risottoporsi al tampone. 

Coronavirus, l'appello del viceministro Sileri: "Seguite le regole"

"Per far si che la situazione non torni grave è necessario rispettare il distanziamento, indossare la mascherina e lavare di frequente le mani". È questo il messaggio, rivolto soprattutto ai giovani, di Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute ospite di CentoCittà su Radio 1. "Abbiamo vinto delle battaglie importanti, non vedo perché dovremmo mollare proprio adesso", ribadisce. Il numero dei contagi, anche se "ci sono oscillazioni", resta stabile intorno ai 200. "Si tratta di persone scoperte positive in seguito a screening e di persone provenienti dall'estero. L'estate ci ha aiutato, il virus resiste poco ai raggi ultravioletti, ma il rischio che possa continuare a infettare esiste. Proteggiamo i più fragili e continuiamo su questa strada",

"A prendere il virus oggi sono giovani perché, forse, hanno abbandonato le misure di sicurezza. Sì alla movida, divertirsi è giusto, ma bisogna continuare a seguire le regole anti-contagio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si sente male mentre è in vacanza: 17enne positiva, era stata in discoteca con amici

Today è in caricamento