rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Città

Crollo ponte sull'A14, il pm di Ancona: "Errore umano"

Perché quel tratto di strada non era stato chiuso? La Procura indaga per omicidio colposo plurimo. Autostrade per l'Italia parla di "incidente non prevedibile" e di "materiali in ottime condizioni". Il ministero Del Rio invia gli ispettori

C'è un "errore umano" dietro il crollo del ponte 167 sull'A14  all'altezza di Camerano, che ha causo la morte di due persone e il ferimento di altre tre. Di questo è conivinta il pm di Ancona Irene Bilotta che indaga per omicidio colposo plurimo. Nel miriro dei giudici, come scrive TgCom, il calcestruzzo che reggeva i pilastri della struttura. Audostrade per l'Italia parte di un "incidente non prevedibile" e di "materiali in ottime condizioni".

Nonostante le rassicurazioni di Autostrade per l'Italia, i pm si chiedono perché quel tratto non è stato chiuso al traffico giovedì mattina, mentre venivano effettuati i lavori. “Si chiude di solito nottetempo, solo quando c’è da mettere un ponte nuovo al posto di uno vecchio”, fanno sapere fonti dell'azienda citate dal Corriere. Eppure "è inconcepibile eseguire lavori di questa natura senza chiudere l’A14. Gli operai stavano sollevando la campata del ponte con dei martinetti, quando la struttura ha ceduto: evidentemente qualcosa è andato storto", si chiede anche il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato il decreto di nomina della commissione ispettiva di esperti del dicastero per verificare e analizzare quanto accaduto. Il cavalcavia era chiuso al traffico, il tratto tra Ancora Sud e Loreto è interessato dai lavori di ampliamento a tre corsie della A14, ma la struttura provvisoria posizionata a sostegno del cavalcavia ha ceduto.

Secondo il Corriere della Sera, ad aver ceduto sarebbero stati i pilastri provvisori realizzati per sostenere i martinetti utilizzati per sollevare il cavalcavia. Tra le ipotesi sulle cause dell'incidente c'è anche quella di un malfunzionamento della centralina che governa questi martinetti, che dunque avrebbero inclinato troppo il ponte, determinando il crollo. Secondo la Procura di Ancona, il tronce potrebbe essersi inclinato durante il sollevamento proprio a causa di questi martinetti, ma il crollo potrebbe essere stato causato anche dal cedimento del pilone che faceva da perno. 

Crolla un ponte sulla A14: auto schiacciate, ci sono morti

Sull’autostrada A14 – ieri chiusa per il crollo del cavalcavia al chilometro 235,800 tra Ancona Sud e Loreto – in direzione sud è stata riaperta una corsia ed è stata tolta l’uscita obbligatoria ad Ancona sud. Mentre in direzione Nord l’uscita obbligatoria è a Loreto/Porto Recanati. Lo riferisce la polizia stradale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo ponte sull'A14, il pm di Ancona: "Errore umano"

Today è in caricamento