Martedì, 27 Luglio 2021
Città Venezia

Muore, ma nessuno può farle il funerale: due amici di scuola organizzano tutto

Due ex compagni di scuola si improvvisano investigatori privati per cercare almeno un lontano parente della 50enne, in modo tale che possa organizzarle il funerale. Ecco com'è andata

Foto di repertorio

VENEZIA - Cristina, 50 anni, è morta pochi giorni fa nel suo appartamento di Mestre. Il corpo, trovato dai suoi vicini di casa, era in avanzato stato di decomposizione. Persona schiva e riservata, non aveva nessuno che potesse farle il funerale. A darle degna sepoltura ci hanno pensato due vecchi compagni di scuola, due vecchi amici improvvisatisi investigatori privati.

Appresa la notizia, i due non hanno potuto organizzare il funerale non essendo parenti della vittima. Cosa fare allora? Di parenti non sembra esserci neanche l'ombra, tutti morti. Gli ex compagni di classe di Cristina però non si danno per vinti e, con la speranza di recuperarne uno anche di secondo grado, iniziano una lunga ricerca. I due vanno in commissariato a parlare con coloro che hanno recuperato la salma, dal pm per rileggere il fascicolo sul caso e, come due provetti inestigatori privati, cercano anche il minimo dettaglio che possa condurli ad un lontano parente della donna.

È all'anagrafe che la loro storia svolta definitivamente. I due amici recuperano il nome della madre, ricordano essere ebrea e contattano immediatamente la comunità ebraica di Venezia. Dopo qualche giorno un cugino si fa vivo: lui era ignaro della morte di Cristina, ma gli amici gli hanno raccontato tutto. Il magistrato dopo qualche giorno avrebbe dato il nullaosta ed il funerale sarà finalmente organizzato.

La notizia su VeneziaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore, ma nessuno può farle il funerale: due amici di scuola organizzano tutto

Today è in caricamento