Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Drogata e stuprata: il momento ripreso dalle telecamere del pub 

 

Era andata insieme ad un amico a bere qualcosa in un pub di Milano, in compagnia di altri due ragazzi. Non immaginava che in quella sera del 13 aprile 2017 le avrebbero messo nel bicchiere la “droga dello stupro”, per poi abusare di lei. 

Si tratta di benzodiazepine, una sostanza presente in alcuni psicofarmaci che se assunta in sostanze elevate può essere molto pericolosa portando alla totale perdita della coscienza. E così è andata.

La ragazza, una 21enne italiana, è stata prima drogata e poi portata a casa di uno dei ragazzi. Tutto premeditato. Qui, per l'intera notte, l'hanno violentata a turno. Quando al mattino si è risvegliata, dolorante e in stato confusionale, ha cercato di ricordare cosa le fosse accaduto.

Gli "amici" l'hanno addirittura rimproverata dicendole che quella sua condizione era dovuta all'uso di cocaina nella notte appena trascorsa. Ma la ragazza sapeva di non averne fatto uso, a tratti riusciva anche a ricordare qualche passaggio di quella terribile notte. E così ha deciso di sporgere denuncia dai carabinieri.

Per i militari dell'Arma non è stato semplice risalire ai responsabili. Grazie al dna trovato con i tamponi vaginali, fatti già la mattina dopo lo stupro quando la ragazza è stata condotta in ospedale, si è riusciti ad avere una prima base su cui continuare le indagini.

Determinanti poi le telecamere, di alta qualità, presenti nel pub. Le immagini, nitide, hanno chiarito la dinamica di quella sera e incastrato i responsabili. Si tratta di tre italiani di 47, 28 e 21 anni. I primi due hanno precedenti penali specifici.

Il loro arresto è stato il coronamento delle indagini dei carabinieri della Compagnia di Porta Monforte, coordinati dal procuratore aggiunto Maria Letizia Mannella e dal pm Gianluca Prisco.

La notizia su MilanoToday

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento