Martedì, 27 Luglio 2021
Città Verona

Esplosione in acciaieria investe due operai: "Volto carbonizzato, ma sono vivi"

Gli operai hanno riportato ustioni di secondo e terzo grado. In un lavoratore, le ustioni riguardano soprattutto un braccio, che ha riportato anche ferite e fratture. Nel collega, invece, le ustioni riguardano la parte alta del busto e il viso

VERONA - Sono ricoverati nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Borgo Trento, ma non in pericolo di vita, i due operai rimasti ustionati ieri, 16 agosto, a causa dell'esplosione avvenuta verse le 17 alle Acciaierie di Verona Pittini di lungadige Galtarossa. Erano circa le ore 17 quando l'esplosione accidentale di una valvola ha provvocato la fuoriuscita di ossigeno al 99%.

Ieri sera, erano stati trasportati temporaneamente nel reparto di chirurgia plastica per parlare degli interventi che li attenderanno. Poi sono tornati in terapia intensiva per le particolari cure a cui sono stati sottoposti. La prognosi è ancora riservata, ma si presume possa essere di 40 giorni.

Entrambi gli operai hanno riportato ustioni di secondo e terzo grado. In un lavoratore, le ustioni riguardano soprattutto un braccio, che ha riportato anche ferite e fratture. Nel collega, invece, le ustioni riguardano la parte alta del busto e il viso. Si pensa che le lesioni al viso possano essere permanenti, ma le funzionalità non sembrano compromesse. Il vero problema dovrebbe essere solo di tipo estetico.

Intanto, questa mattina, lo Spisal ha svolto un sopralluogo sul luogo dell'incidente, per accertare che la causa sia davvero accidentale, oppure se la responsabilità non sia anche della negligenza, del datore di lavoro oppure dei lavoratori stessi.

Segui gli aggiornamenti su Verona Sera

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione in acciaieria investe due operai: "Volto carbonizzato, ma sono vivi"

Today è in caricamento