rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Città Catania

Esplosione Catania, la rabbia dei Vigili del Fuoco: "Lavoriamo in condizioni infami"

Nell'esplosione causata da una fuga di gas hanno perso la vita due Vigili del Fuoco e un civile. Il sindacato critica le prime ricostruzioni dei media: "Rispetto per i colleghi morti"

Sono morti 2 dei 4 vigili del fuoco rimasti coinvolti nell'esplosione causata da una fuga di gas in uno stabile a Catania, nella centrale via Garibaldi. Tra le macerie anche una terza persona, vittima della deflagrazione. Due vigili del fuoco sono gravemente feriti.

I nomi delle vittime

A perdere la vita sono stati due vigili del fuoco, Dario Ambiamonte e Giorgio Grammatico, e un 60enne, Giuseppe Longo, titolare della bottega di biciclette di via Sacchero. Altri due vigili del fuoco sono ricoverati presso l'ospedale Garibaldi.“

L'esplosione

Il boato è avvenuto quando la squadra Vvf, intervenuta per una perdita di gas che si stava verificando in una piccola officina, avrebbe tentato di aprire la porta che era chiusa con un catenaccio.

Catania, esplosione investe vigili del fuoco | Ansa

"Una bomba, sembrava un attentato...". Sono le prime testimonianze degli abitanti di via Sacchero e via Garibaldi. "Ho sentito un boato incredibile - racconta un negoziante - e ho pensato a una bomba violenta, ho avuto una grande paura". "Ho pensato di morire", racconta un giovane che lavora in un negozio.

Catania, esplosione travolge vigili del fuoco intervenuti per una fuga di gas: tre morti

"Sono qui dove c'è stata l'esplosione, in via Garibaldi 316. Una tragedia. Due vigili del fuoco morti, due gravi. Un civile morto. Esplosione di bombola". Così su Facebook Enzo Bianco, sindaco di Catania, commenta il tragico incidente in una via centrale della città etnea. "Sono qui - aggiunge Bianco - ad abbracciare i vigili del fuoco. Una dolorosa tragedia per la città".

"Rispetto per i Vigili del fuoco"

"Due vigili del fuoco morti, uno in gravi condizioni per un’esplosione di gas a Catania. Sarebbe il momento del silenzio per le vite stroncate di lavoratori che la morte la guardano in faccia ogni giorno - si legge in una nota del coordinamento nazionale vigili del fuoco unione sindacale di base -. Silenzio oggi, poi faremo sentire la nostra voce per urlare la nostra rabbia, per le condizioni infami in cui siamo costretti a operare. Ma ci stanno togliendo, oggi, anche il diritto al silenzio. Perché non è possibile ascoltare dai Tg e leggere sui siti che proprio le due vittime sarebbero state la causa della loro morte. Non è tollerabile leggere o ascoltare che una squadra di vigili del fuoco chiamata per una fuga di gas sia intervenuta con mototroncatrici (motoseghe) e cesoie per aprire una porta in una situazione di pericolo. Lo capirebbe il più sprovveduto degli sprovveduti, sarebbe come calarsi in un serbatoio di gas con la sigaretta accesa. Chiediamo rispetto per i colleghi morti di lavoro, chiediamo rispetto per l’opera di quelli che chiamate sempre 'eroi', chiediamo rispetto per il vostro stesso lavoro di 'professionisti' dell’informazione che così fanno solo disinformazione. Nessun vigile del fuoco, mai, interverrebbe con quei mezzi in una situazione di pericolo da gas. Il solo pensarlo è offensivo. Scriverlo è delittuoso".

Aggiornamenti su CataniaToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione Catania, la rabbia dei Vigili del Fuoco: "Lavoriamo in condizioni infami"

Today è in caricamento