Martedì, 26 Gennaio 2021
Roma

Giallo sugli evasi da Rebibbia: "Presi, anzi no"

I due erano riusciti ad evadere segando le sbarre di una finestra, per poi scavalcare il muro di cinta del carcere. Ma è giallo sulla loro cattura

I due detenuti evasi ieri dal carcere romano di Rebibbia

ROMA - E' giallo sulla cattura di Catalin Ciobanu, 33 anni, e Florin Mihai Diaconescu, 28, i due detenuti romeni evasi domenica dal carcere romano di Rebibbia. "Abbiamo appreso che i due detenuti sono stati presi dai carabinieri a Tivoli", rende noto Massimo Costantino della Cisl Fns. I carabinieri invece smentiscono la cattura.

"Consegnatevi all'autorità giudiziaria e ponete fine alla vostra fuga", era stato l'appello lanciato dai legali dei due fuggitivi. Secondo le prime informazioni, i due fuggitivi erano nascosti in un appartamento di Tivoli insieme ad altri connazionali. La notizia però non è stata confermata. Ciobanu e Diaconescu erano riusciti ad evadere segando le sbarre di una finestra con una lima, per poi scavalcare il muro di cinta calandosi con delle lenzuola usate come fune. Uno è stato condannato per omicidio e sequestro di persona, l’altro per rapina.

Il sindacato di polizia carceraria Fns Cisl aveva dato la colpa al sovraffollamento di Rebibbia rispetto al numero inadeguato di agenti. "Il personale in servizio di polizia penitenziaria nei 14 istituti penitenziari della regione Lazio risulta essere sottodimensionato e non più rispondente alle esigenze funzionali degli Istituti - aveva detto il segretario aggiunto Massimo Costantino - dove si continua a registrare un esubero di detenuti rispetto alla capienza detentiva prevista".

Nel nuovo complesso di Rebibbia ci sono secondo Fns Cisl 157 detenuti in più rispetto ai 1.235 previsti. "Le carceri sono più sicure assumendo gli agenti di polizia penitenziaria che mancano - dice il segretario nazionale del sindacato Sappe Donato Capece - finanziando gli interventi per far funzionare i sistemi antiscavalcamento, potenziando i livelli di sicurezza delle carceri: non è un caso che proprio i sistemi di sicurezza del carcere di Roma Rebibbia sono fuori uso da tempo".

La notizia su RomaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giallo sugli evasi da Rebibbia: "Presi, anzi no"

Today è in caricamento