Mercoledì, 28 Luglio 2021
Città Piacenza

Scoperta la prima fabbrica italiana di sigarette di contrabbando

Il tabacco proveniva dal Brasile via mare. Poi, nel maxi capannone di Pavia, la produzione a ritmi impressionanti, con tanto di operai al lavoro per venti ore al giorno

È stata scoperta la prima fabbrica italiana di sigarette di contrabbando. L.S., 42enne di Piacenza, è finito in manette insieme ad altri due uomini. A Pavia c'era il capannone per la produzione di milioni di sigarette, a due passi da Piacenza invece la base logistica con i materiali per la produzione: racconta tutto Bisaglia su IlPiacenza.

Colui che è ritenuto il capo dell'organizzazione smantellata dall'indagine della Guardia di Finanza di Pavia, è un piacentino. Il blitz è andato in scena in un capannone, nel Pavese, trasformato in una fabbrica clandestina di sigarette di contrabbando. La prima mai scoperta in Italia, e con numeri da capogiro visto il sequestro di qualcosa come 12 tonnellate di sigarette, già impacchettate in stecche e pronte per finire sul mercato dell'Est Europa, e altre 24 tonnellate di tabacco, trinciato e in polvere, quattro tonnellate di prodotti necessari per la lavorazione, il materiale per il confezionamento delle sigarette (pacchetti di una nota marca, cellophane, carta argentata) e tutti i macchinari, a quanto pare importati dall'Est.

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Pavia hanno bloccato un carico di sigarette appena fabbricate, a bordo di un Tir, che stava per prendere la via dell'Austria. Il piacentino stava facendo da staffetta al camion quando è stato bloccato dalla Finanza. In manette anche i due autisti, due moldavi. Tutti sono accusati del reato di contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

Due giorni fa un altro sviluppo investigativo importante, questa volta a due passi da Piacenza, in un capannone nel quale i carabinieri della Compagnia di Codogno hanno effettuato un blitz trovando "tanta roba": numerosi bancali interi di carte e filtri per realizzare le sigarette e i pacchetti, oltre a imballaggi e infinite bobine di carta. Quindi una sorta di base logistica per la produzione. La procura della Repubblica di Pavia ha disposto il sequestro di tutto quanto. 

In base a quanto riferisce la Finanza di Pavia, il tabacco proveniva dal Brasile via mare, sia quello trinciato che quello in polvere. Poi, nel maxi capannone di Pavia, avveniva la produzione a ritmi impressionanti, con tanto di operai al lavoro per venti ore al giorno. La finanza è convinta che la produzione di 40 milioni di sigarette avrebbe fruttato alla banda circa 11 milioni di euro dalla vendita sul mercato clandestino.

La notizia su IlPiacenza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperta la prima fabbrica italiana di sigarette di contrabbando

Today è in caricamento