rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Roma

Coltiva l'orto e fa la spesa, smascherato falso cieco

La sua è stata una truffa da 200 mila euro, quelli che gli ha versato l'Inps per la sua finta invalidità. Scoperto dai carabinieri che l'hanno pedinato per tre mesi

Prelevava soldi al bancomat, faceva la spesa e coltivava l'orto: queste le azioni quotidiane che hanno fatto scoprire un falso cieco a Marino (Roma).

Pedinato e osservato per tre mesi dai carabinieri è stato poi smascherato dai Carabinieri della Stazione di Marino. Si tratta di un uomo di 63 anni originario di Roma ma da anni residente a Marino. L'uomo riceveva la pensione di invalidità oltre all'accompagnamento per essere cieco, ma solo sulla carta. Gli accertamenti svolti hanno fatto emergere che il 63enne si intratteneva nel suo orto a spostare vasi, trapiantare piantine, mettere paletti nel terreno e scegliere i frutti più maturi da mettere sul piatto.

L'attività dei Carabinieri è proseguita per mesi dalla scorsa estate: da lontano e tramite telecamere nascoste gli uomini dell’Arma hanno monitorato la vita dell'uomo che sapeva attraversare la strada da solo, salire sui marciapiedi, salire i gradini della chiesa, entrare ed uscire di casa senza alcun accompagnamento, fare la spesa in completa autonomia e trasportare pacchi di ogni genere.

GUARDA IL VIDEO

Insomma una vera e propria truffa ai danni dello Stato per circa 200 mila euro. 107 mila euro sono infatti i soldi che negli anni l'Inps ha versato al furbacchione, mentre la rimanenza dell'accompagnamento è stata versata dall'istituto per ciechi, nell'ordine di circa 90 mila euro. L'uomo negli anni aveva di fatto accentuato un virus agli occhi, facendosi credere cieco anche davanti alle commissioni mediche che lo avevano esaminato fino a diagnosticargli un distacco della retina oculare. L'ultima analisi in tal senso nel 2005.

Oggetto dell'inchiesta saranno, quindi, anche le procedure di concessione del beneficio. L’uomo si era finto cieco nel 1998, pianificando un piano niente male: si era infatti licenziato dall'ente Poste Italiane dove lavorava, riuscendo così a percepire la pensione appena maturata assieme all’assegno di accompagnamento, che andavano ad accreditarsi sul suo conto corrente, da cui l’intrepido truffatore prelevava i soldi mediante operazioni al bancomat. (da Roma Today)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltiva l'orto e fa la spesa, smascherato falso cieco

Today è in caricamento