Domenica, 9 Maggio 2021
Roma

Insulti e minacce alla famiglia rom assegnataria di una casa popolare

I fatti a Roma nel quartiere di Tor Bella Monaca. Sono intervenuti i carabinieri

Foto di repertorio Ansa

Minacce e insulti. Così una famiglia di origine rom - legittimamente assegnataria di una casa popolare a Tor Bella Monaca, Roma - è stata "accolta" da quelli che sarebbero dovuti diventare i loro vicini di casa. Questi ultimi volevano farli desistere dall'entrare nell'abitazione assegnata loro in viale Santa Rita da Cascia. E' successo stamattina.

Famiglia rom assegnataria di una casa popolare insultata e minacciata

La famiglia, una 70enne assegnataria dell'alloggio e i suoi tre figli, è arrivata sotto casa con un funzionario dell'Ater (Azienda territoriale per l'edilizia residenziale) per prendere possesso dell'abitazione di edilizia popolare. Aperta la porta dell'appartamento, i quattro sono però stati insultati e minacciati da un gruppetto di 7-8 persone: li hanno "invitati" ad andarsene. Intimoriti dall'accaduto, la famiglia e il funzionario Ater si sono chiusi nella casa popolare ed hanno allertato il 112.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri: al loro arrivo i militari non hanno trovato nessuno dei "contestatori", accertando come la situazione fosse tornata alla normalità. Invitati a sporgere denuncia, da quanto apprende RomaToday la donna ha espresso la volontà all'Ater di andare in un'altra casa, intimorita dalle minacce e le violenze subìte.

Compra un camper per far uscire il figlio autistico e viene sfrattata dalla casa popolare

Viale Santa Rita da Cascia (foto google)-3-2

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti e minacce alla famiglia rom assegnataria di una casa popolare

Today è in caricamento