rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Busto Arsizio / Varese

La famiglia che scappa dal ristorante senza pagare il conto da 200 euro

L'episodio avvenuto in un ristorante di Busto Arsizio, in provincia di Varese: una coppia insieme alla loro bambina si sono dileguati lasciando il conto da saldare. L'ira del titolare: "Era tutto studiato, adesso chiedo il documento"

Dalle ostriche all'astice, passando per i gamberi e gli scambi, fino ad arrivare al dolce. Una cena di pesce completa per tre persone, due adulti e una bambina, per un conto totale che ha oltrepassato quota 200 euro. Un conto che però non è stato saldato dalla famiglia in questione, che è andata via lasciando soltanto i piatti sporchi e i resti delle prelibate portate- Una terribile disavventura che ha come sfortunato protagonista Luigi Savino, proprietario del Ristorante Pizzeria Capri di Busto Arsizio, in provincia di Varese.

I fatti risalgono allo scorso 12 febbraio, come raccontato da Savino a Fanpage: "Hanno preso tutto quello che volevano e poi sono andati via. Lui si è alzato per andare a fumare una sigaretta prima del caffè, la donna aveva portato la figlia in bagno. Poi non sono più rientrati e noi ci siamo ritrovati con il conto non pagato".

Uno spiacevole episodio che ha costretto il titolare del locale a prendere una drastica contromisura: adesso ogni volta che una persona si alza dal tavolo deve lasciare un documento di identità. Intanto il proprietario del ristorante sembra intenzionato a non denunciare: "Ho perso già tanti soldi così, non ne vale la pena, però ho comunicato quello che è successo. Possiamo dire che stavolta l'hanno fatta franca. Adesso, però, a chi si alza per andare a fumare gli chiedo il documento".

La famiglia in questione ha ordinato tutti i piatti di pesce in questione, ma il comportamento non ha destato sospetti: sembrava la classica famiglia che, magari per festeggiare un'occasione speciale, si concede una cena al ristorante senza badare a spese. Ma dopo il lauto pasto è andato in scena il piano "diabolico": prima la richiesta del caffè, poi l'uomo che si alza per andare a fumare, mentre la donna accompagna in bagno la bambina. Il tutto lasciando alcuni oggetti sul tavolo: "Vedendo che c’erano le loro cose al posto ero tranquillo, ritorneranno di sicuro, ho pensato - ha raccontato Savino - Poi, però, il tempo passava e loro non tornavano. Gli oggetti che avevano lasciato era roba senza valore, era tutto studiato".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La famiglia che scappa dal ristorante senza pagare il conto da 200 euro

Today è in caricamento