Venerdì, 5 Marzo 2021
Terni

La foto delle ambulanze in fila davanti al pronto soccorso: "Siamo sfiniti"

Lo scatto è di qualche ora fa: una nuova notte da codice rosso al Santa Maria di Terni. Gli operatori fanno di tutto per gestire una situazione che si complica ora dopo ora

Foto: TerniToday

Ambulanze in fila davanti al pronto soccorso, con pazienti Covid a bordo che devono essere visitati e in alcuni casi ricoverati . Incolonnate con le sirene spente, in attesa. E' successo anche la scorsa notte di fronte al pronto soccorso dell’ospedale di Terni. La fotografia è stata scattata qualche ora fa: una nuova notte da codice rosso al Santa Maria.

Le code delle ambulanze davanti agli ospedali italiani

La lunga fila di ambulanze verso l'ospedale sta diventando in molte città italiane la foto simbolo della seconda ondata che da ottobre in avanti ha colpito il nostro paese. Decine di mezzi in coda, e operatori costretti a turni senza fine. 

"Siamo sfiniti”, dicono gli operatori, mentre cercano in tutti i modi di gestire una situazione che, con il passare delle ore, diventa sempre più complicata.

I reparti ospedalieri sono in affanno, non ancora saturi fortunatamente, ma il limite si avvicina. In Umbria ad esempio, rispetto ai 576 posti letto dedicati all’emergenza Covid in tutte le strutture sanitarie del territorio regionale, i posti letto disponibili all’ospedale di Terni sono 86, di cui 9 in semintensiva, e 19 in intensiva per un totale di 105 posti. Stando ai dati dell’ultimo bollettino (diffusi ieri, 4 novembre) i posti occupati sono 103, di cui 17 in intensiva. Numeri che evidenziano chiaramente come le ore e i minuti rischiano di spingere al collasso il sistema sanitario alle prese con l’impatto di un’emergenza fortissima.

La situazione è complessa ovunque in Italia. Basti pensare a che cosa è successo la scorsa notte in Sardegna: per alcune ore, causa casi Covid tra i pazienti arrivati nelle strutture ospedaliere, sono rimasti chiusi contemporaneamente i pronto soccorso degli ospedali Broztu di Cagliari, di Carbonia, San Gavino, Oristano e Nuoro. Lo scrive oggi l'Unione Sarda. Per lunghe ore in caso di emergenze il 118 avrebbe potuto contare su pochi pronto soccorso.

La colonna di ambulanze in fila nell'area Covid

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La foto delle ambulanze in fila davanti al pronto soccorso: "Siamo sfiniti"

Today è in caricamento