rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Monza / Monza e della Brianza

Finto agente immobiliare entra in casa con una pistola e deruba due volte la stessa vittima: "Grazie, tornerò"

Succede in Brianza. L'uomo è stato sottoposto a fermo di indiziato delitto. L'indagine dei carabinieri

Ha approfittato dell'annuncio posto fuori da una villetta, a Lazzate. E si è fatto aprire, fingendo di essere un agente immobiliare interessato a chiedere informazioni. Ma tra i giornali che aveva sottobraccio, nascondeva una pistola. Un'arma con cui ha minacciato la vittima, riuscendo a farsi consegnare soldi e un assegno. Un copione che si è ripetuto due volte con il rapinatore che si è ripresentato alla porta dell'abitazione del 66enne. E ora l'uomo, al termine di una indagine condotta dai carabinieri della stazione di Lentate sul Seveso, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Monza. Si tratta di un 51enne di Cermenate indagato per due rapine aggravate commesse la sera dello scorso 29 giugno e dello scorso 1 luglio 2022.

Due rapine in casa: "Grazie, tornerò"

Due incursioni "gemelle", ai danni della stessa vittima e avvenute con le stesse modalità, a pochi giorni l'una dall'altra. Il 29 giugno, attorno alle 20:30, il 51enne, con volto coperto da una mascherina chirurgica e una pistola nascosta tra i giornali sotto il braccio, dopo aver avvicinato la vittima con la scusa di chiedere alcune informazioni relative alla vendita della sua abitazione ed essere riuscito ad accedere in casa, ha estratto l'arma, puntandogliela contro e intimandogli di consegnargli i soldi contanti che aveva con sé per poi, una volta ottenuto il denaro, fuggire via.

Due giorni dopo, si è ripresentato alla porta del 66enne a Lazzate. Ancora con la mascherina sul volto e la pistola tra i giornali, lo ha minacciato, facendosi consegnare un assegnao del valore di duecento euro. Prima di allontanarsi il 51enne avrebbe ringraziato la vittima, dicendo che sarebbe tornato nuovamente all’inizio della settimana successiva.

Le indagini

I carabinieri della stazione di Lentate sul Seveso, analizzati gli indizi e le testimonianze raccolte, hanno concentrato le attenzioni investigative su un 51enne, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e in materia di droga. Nei giorni scorsi i militari si sono presentati a casa del 51enne dove l'uomo ha spontaneamente consegnato una pistola scacciacani Bruni di colore nero cal. 8 mm con caricatore e 10 cartucce a salve compatibile con quella descritta dalla vittima. Nell'abitazione è stata trovata anche una camicia celeste a righe del tutto simile a quella indossata dal rapinatore e un assegno il cui furto era stato denunciato dalla titolare di un negozio di illuminazione due settimane prima. Per il possesso del titolo di pagamento il 51enne è attualmente indagato anche per il reato di ricettazione.

Il 51enne ora si trova in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finto agente immobiliare entra in casa con una pistola e deruba due volte la stessa vittima: "Grazie, tornerò"

Today è in caricamento