rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Città Trieste

Il focolaio tra i "No Green Pass": 46 positivi, nessuno è vaccinato

Decine i casi di Covid legati alle manifestazioni dei giorni scorsi

Focolaio di coronavirus collegato alle proteste della scorsa settimana in Friuli-Venezia Giulia. Sono 46 i casi Covid legati alle manifestazioni "no green pass" dei giorni scorsi a Trieste e Gorizia. Lo ha confermato l'epidemiologo Fabio Barbone, che guida la task force per l'emergenza Covid del Friuli Venezia Giulia. Nel dettaglio tra le persone positive, otto sono portuali (sette di Trieste, uno di Monfalcone). Meno di una decina i casi secondari e, al momento, una persona è stata ricoverata. Per Barbone si tratta del focolaio più importante in regione individuato grazia ad un processo di contact tracing da parte del dipartimento di prevenzione di Trieste e Gorizia. Questi dati però, a detta dell'epidemiologo, sarebbero solo la punta degli iceberg: "Attendiamo ancora di scoprire il numero di casi a Udine e Pordenone. Tali contagi sono frutto di contatti stretti, a meno di un metro" sostiene l'esperto.

46 positivi, tutti non vaccinati

Le 46 persone che hanno contratto il coronavirus tra Trieste e Gorizia, dopo aver partecipato alle manifestazioni no Green pass dei giorni scorsi, sono tutte non vaccinate. A confermarlo è sempre Fabio Barbone, l'epidemiologo che guida la task force. Si tratta, ha spiegato, di manifestanti che per giorni sono scesi in piazza “senza mascherina, trascorrendo molto tempo assieme, gomito a gomito, a contatto anche con gente da fuori, in un periodo in cui il virus già a fine agosto aveva iniziato a circolare di più rispetto a fine giugno e luglio. Se c'era anche qualcuno asintomatico, il virus si è diffuso più facilmente. È la tempesta perfetta".

Trieste, ancor prima di questa impennata, era già la città d’Italia con la peggiore incidenza di contagi ogni 100.000 abitanti, ben 137 contro una media nazionale inferiore a 50. L’aggiornamento sull'epidemia parla dei 155 casi di Trieste a cui si aggiungono i 57 della provincia di Udine (la cui provincia ha però il doppio degli abitanti, i 27 di Gorizia e i 18 di Pordenone.  

"Se il governo rigetterà le richieste che abbiamo fatto sabato scorso al ministro Patuanelli noi andremo avanti nella nostra protesta, lo faremo pacificamente, anche in porto, ma sempre con le stesse modalità, senza però bloccare mai nessuno - dice Stefano Puzzer portavoce del Coordinamento 15 Ottobre, ieri mattina in corteo a Trieste -  Noi non siamo qui per mettere in crisi la nostra città, per dar fastidio ai cittadini che non la pensano come noi. Quindi se potremo evitare disagi alla cittadinanza lo faremo sicuramente".

I no-vax preferiscono il tampone: l'effetto green pass sta svanendo

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il focolaio tra i "No Green Pass": 46 positivi, nessuno è vaccinato

Today è in caricamento