rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Città Grosseto

Follonica, nomadi rinchiuse nel gabbiotto dei rifiuti: il video finisce su Facebook

Le due donne erano state sorprese a frugare tra i rifiuti. Denunciati tre dipendenti della Lidl, che ha preso le distanze dal gesto

E' polemica dopo la diffusione su Facebook di un video che mostra tre dipendenti della Lidl di Follonica (Grosseto) ridere di due donne nomadi rinchiuse un gabbiotto dei rifiuti.

Le due erano state sorprese a rovistare nei cassonnetti. Nelle immagini si vede il gabiotto e due degli addetti che ridono e dicono che è vietato entrare in quell'area, mentre un terzo riprende la scena. Il video mostra anche le due donne piangere e disperarsi. I tre sono stati denunciati dai carabinieri e la Procura ha aperto un fascicolo per sequestro di persona.

Nomadi rinchiuse e derise: il video scatena la polemica

video nomadi follonica screenshot-2

La catena di supermercati ha preso le distanze da quanto accaduto e ha promesso di adottare i provvedimenti necessari. "Siamo venuti a conoscenza del video diffuso in Rete. Prendiamo le distanze senza riserva alcuna dal contenuto del filmato che va contro ogni nostro principio aziendale. Lidl Italia si dissocia e condanna fermamente comportamenti di questo tipo. L'Azienda sta verificando le circostanze legate al video e si avvarrà di tutti gli strumenti a disposizione, al fine di adottare i provvedimenti necessari nelle sedi più opportune", ha scritto l'azienda su Facebook. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Follonica, nomadi rinchiuse nel gabbiotto dei rifiuti: il video finisce su Facebook

Today è in caricamento