Lunedì, 21 Giugno 2021
Bedizzole / Brescia

Francesca Fantoni, colpo di scena al processo: "Non l'ho uccisa io, chiedete ai rumeni"

Andrea Pavarini, 32 anni, avrebbe ritrattato la confessione già fornita agli inquirenti. La 39enne era stata assassinata a mani nude e abbandonata in un parco

Francesca Fantoni

Ha ritrattato tutto. "Non l'ho uccisa io". Così avrebbe detto Andrea Pavarini ai giudici della Corte d'assiste nell'ambito del processo in cui è imputato per l'omicidio di Francesca Fantoni. La donna, 39 anni, era stata trovata morta la mattina del 27 genanio 2020 in un parco pubblico a Bedizzole, in provincia di Brescia. Secondo l'accusa Pavarini l'avrebbe prima violentata per poi ucciderla a mani nude. Dopo l'omicidio si sarebbe presentato al bar come se nulla fosse, anzi. Con le mani e i vestiti ancora sporchi di sangue avrebbe chiesto alla barista se volesse uscire con lui.

La compagna di Pavarini, madre di un bimbo che all'epoca aveva soltanto tre mesi, aveva riferito che quella sera lei era rimasta in auto con il figlioletto che stava male, aspettando il ritorno del fidanzato. "Vado a cambiare 50 euro e torno", avrebbe detto Pavarini alla fidanzata. Poi era sparito per due ore, dalle 19.30 alle 21.30: in quel frangente il 32enne avrebbe raggiunto Francesca, l'avrebbe violentata e poi ammazzata. In paese quella sera c'erano le giostre, una serata di festa: alcuni testimoni avrebbero confermato (anche in aula) di aver visto Pavarini allontanarsi tenendo Francesca per un braccio. I due si conoscevano, si erano già visti altre volte.

"Sono stato io e mi dispiace. Ho fatto una cazzata: la prima e l'ultima" aveva detto il 32enne un anno dopo i fatti. Oggi però racconta un'altra versione. Dopo aver ammesso la sua colpevolezza, il presunto killer ha ritrattato. Lo ha fatto davanti al giudice, senza ripensamenti: "Non ho fatto sesso con Francesca, la conoscevo di vista" avrebbe affermato il 32enne, "anzi era lei che voleva fare sesso con me, io le ho detto di no e lei mi ha dato uno schiaffo, e io me ne sono andato".

francesca fantoni ansa2-2

L'imputato: "A Bedizzole è pieno di rumeni, chiedete a loro"

Nelle sue dichiarazioni il giovane avrebbe cercato di incolpare qualcun altro, come racconta BresciaToday: "A Bedizzole è pieno di rumeni, chiedete a loro cosa è successo". La ricostruzione dei carabinieri, invece, racconta ben altre vicende. Anche sulla scorta delle dichiarazioni raccolte nelle precedenti udienze. Pavarini, infatti, avrebbe lasciato moglie e figlio in auto dicendo loro di dover cambiare i soldi per poi raggiungere Francesca Fantoni, andare via con lei, picchiarla, violentarla e ucciderla. Il corpo verrà ritrovato meno di 48 ore dopo, a poche centinaia di metri dalla piazza (che quella sera era stracolma: c'era anche il luna park).

Intanto in aula il dibattito prosegue anche sulla capacità di intendere e di volere dell'imputato.Per i consulenti dell'accusa non ci sarebbero dubbi, non è così invece per gli esperti della difesa: in questo caso viene suggerita una parziale incapacità di intendere, che sarebbe stata confermata anche da una risonanza magnetica, che avrebbe rilevato lesioni nel lobo frontale del cervello. Il processo continua: la prossima udienza sarà a metà giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francesca Fantoni, colpo di scena al processo: "Non l'ho uccisa io, chiedete ai rumeni"

Today è in caricamento