rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Usura / Milano

Il fondatore di 'Sos racket' tenta il suicidio: "Sono disperato"

L'economia che crolla. Lo Stato assente. Così il fondatore del'associazione contro l'usura, Frediano Manzi, ha tentato di togliersi la vita. Ricoverato in ospedale, sarebbe fuori pericolo.

Il fondatore dell'Associazione Sos racket e usura, Frediano Manzi, ha tentato il suicidio e si trova ricoverato in ospedale. Secondo quanto si è appreso sarebbe fuori pericolo.

Manzi, la cui associazione ha permesso alla magistratura di avviare indagini importanti soprattutto sul fronte della criminalità organizzata e della corruzione grazie alle denunce dei suoi iscritti, ha detto di trovarsi in "disperate situazioni economiche".

"Proprio ieri ho dovuto chiudere due attività commerciali - ha detto al telefono all'Ansa - e per la 'ndrangheta sono un morto che cammina".

Manzi si è tagliato le vene nell'appartamento dove vive, da solo, fuori Milano, ed è stato trovato dai carabinieri allertati dal presidente dell'associazione antiracket Sos Italia, Paolo Bocedi, preoccupato perché non rispondeva al telefono.

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il fondatore di 'Sos racket' tenta il suicidio: "Sono disperato"

Today è in caricamento