Venerdì, 26 Febbraio 2021
Catania

Il gatto lo sveglia: lui imbraccia il fucile e gli spara

"Davanti alla mia porta bordello non ne voglio". Il video è finito negli atti dell'inchiesta "Minecraft" che ha portato all’arresto di quindici persone ritenute affiliate ad un clan di Catania

Un fermo immagine del video

Ha sparato ad un gatto con un fucile di precisione dal balcone di casa solo perché era stato svegliato dai miagolii dell’animale. Il video è finito agli atti dell’inchiesta “Minecraft” della Dda che ha portato all’arresto di quindici persone ritenute affiliate al clan Cappello-Bonaccorsi di Catania. Sono accusati di associazione di tipo mafioso, con l'aggravante di essere associazione armata, associazione a delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanza stupefacente e numerosi altri reati.

Nelle immagini si vede un uomo che imbraccia l’arma mentre percorre un ballatoio. "Quando di giorno ti svegli con la ‘mala’ (di cattivo umore, ndr) i gatti cominciano a cascare: questo è un segno, davanti alla mia porta bordello non ne voglio". Quando il povero gatto compare nell’inquadratura il filmato si interrompe. Secondo il “Corriere della Sera”, l’uomo avrebbe fatto fuoco uccidendo l’animale.

Il gatto lo sveglia e lui imbraccia il fucile: video

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori hanno spiegato che il traffico di droga era l'affare principale del clan Cappello-Bonaccorsi. La polizia ha sequestrato anche numerose pistole mitragliatrici e persino tre Kalashnikov. Era un vero e proprio arsenale quello a disposizione del clan, i cui nuovi assetti sono stati smantellati dalla Squadra mobile di Catania e dallo Sco con il blitz antimafia 'Minecraft'. Un gruppo criminale caratterizzato da "un elevatissimo grado di pericolosità" come testimonia la disponibilità di una vera e propria santabarbara e dall'abitudine degli indagati a girare armati.  La custodia e la manutenzione dell'arsenale erano affidate a due uomini di fiducia del clan ed estramemente abili nel maneggio delle armi. Sono stati sequestrati quattro giubbotti antiproiettile, un fucile mitragliatore, due pistole mitragliatrici, pistole semiautomatiche, un fucile Beretta, tre Kalashnikov, oltre al relativo munizionamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il gatto lo sveglia: lui imbraccia il fucile e gli spara

Today è in caricamento