rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Città Olbia-Tempio

Gelateria evade 1,50 euro: costretta a chiudere

Succede a Olbia: tra il 2011 e il 2012 la proprietaria non ha battuto alcuni scontrini, evadendo l'Iva. "E' una sanzione assurda"

OLBIA - Fiamme gialle inflessibili o ligie al dovere? Fa discutere quanto avvenuto a Olbia, dove la Guardia di finanza ha imposto tre giorni di chiusura (venerdì, sabato e domenica) a una storica gelateria del centro cittadino sardo. Come spiegato da L'Unione Sarda, l'esercizio commerciale, gestito da Mirella Manzotti, 33enne di origini bergamasche, tra il 2011 e il 2012 non ha battuto alcuni scontrini, evadendo l'Iva.

La proprietaria della gelateria "Smeralda" si è detta allibita: "E' una sanzione assurda. Tra l'altro ci rimetterà anche lo Stato che perderà l'Iva per il mancato introito della gelateria del prossimo fine settimana previsto in circa 6mila euro".

Ed è stato inutile anche chiedere di rinviare lo stop al termine della stagione estiva. I verbali contestati dalle Fiamme gialle sono quattro: si tratta di due scontrini da un euro, di uno scontrino da 6,50 euro e di un altro da 1,50 euro. Calcolata l'Iva al 10%, l'evasione totale si attesta intorno a 1,50 euro.

Per "riavere" quegli spiccioli evasi, però, lo Stato rinuncia ai circa 500 euro di Iva che la gelateria avrebbe fatturato nel weekend in cui invece rimarrà chiusa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gelateria evade 1,50 euro: costretta a chiudere

Today è in caricamento