Giovedì, 21 Ottobre 2021
Città Milano

Tentano di riscuotere gratta e vinci rubati, nei guai due fratelli: a casa ne avevano 600

Nei guai due italiani residenti a Milano. Poche ore prima che uno dei due venisse scoperto, l'altro aveva incassato una vincita con lo stesso metodo

E' stato scoperto mentre tentava di incassare la vincita da un gratta e vinci rubato: adesso per lui è scattata la denuncia per tentata truffa. Nei guai è finito anche il fratello che poche ore prima, sempre con un tagliando rubato e sempre nella stessa tabaccheria, era riuscito a incassare la vincita. È successo nella giornata di sabato 14 settembre a Milano. Protagonisti della vicenda due fratelli italiani di 51 e 59 anni, accusati rispettivamente di truffa e tentata truffa. 

Tutto è accaduto intorno alle 17.50 quando il 59enne si è recato in una tabaccheria di via Primaticcio per riscuotere 200 euro: montepremi di un gratta e vinci. La tabaccaia, controllando il tagliando con il sistema in dotazione, si è accorta che risultava rubato e ha chiamato la polizia. Sul posto intervenuti gli agenti della questura di Milano a cui ha raccontato di essere andato a incassare il biglietto per conto del fratello. 

I poliziotti sono quindi andati a casa dell'uomo che vedendo le forze dell'ordine ha consegnato loro un trolley con oltre 600 gratta e vinci. Secondo quanto emerso il 51enne, poche ore prima, era riuscito a incassare un tagliando rubato nella stessa tabaccheria grazie al fatto che la macchina in grado di verificare l'integrità dei tagliandi era fuori uso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano di riscuotere gratta e vinci rubati, nei guai due fratelli: a casa ne avevano 600

Today è in caricamento