Lunedì, 8 Marzo 2021
Napoli

Il rave party di Halloween senza mascherine a Napoli

`Invito sui social, la festa in un video choc scatta l’indagine della Polizia postale. La denuncia del consigliere Borrelli

Un rave party di Halloween organizzato a Napoli in pieno lockdown e senza mascherine: a denunciarlo ieri è stato il consigliere regionale campano dei Verdi Francesco Borrelli che nel frattempo ha avvertito anche la polizia postale. "Abbiamo ricevuto diversi video di un rave party che si sarebbe tenuto proprio ieri sera nel napoletano, che abbiamo girato alla Polizia postale perché risalga agli organizzatori. Lo schema è sempre lo stesso. Avvisi sui social che poi vengono cancellati, raccomandazione di non fare foto e video per evitare che siano identificati e luogo segreto, quasi sempre un immobile diroccato e occupato abusivamente. I promotori di questa vera e propria follia devono essere indagati per epidemia colposa e puniti con la massima severità", ha detto Borrelli in una nota stampa.

Dalle immagini pubblicate non è chiara la località in cui un non meglio identificato “Unknown Crew” (alla lettera: “Equipaggio sconosciuto”) aveva anticipato in alcuni gruppi e chat riservate l’evento con tanto di slogan: “Pronti alla guerra”. Ma secondo Il Mattino si tratta della provincia e la location sarebbe una fabbrica abbandonata. 

Un party organizzato alla perfezione: in un luogo lontano da occhi e orecchie indiscrete, con due dj (uno dei quali senza protezione facciale) e soprattutto tantissimi ragazzi e ragazze. Un enorme, potenziale focolaio di contagio tra quattro mura. Il titolo del rave dell’altra notte non aveva bisogno di ulteriori commenti o spiegazioni: «Allora stanotte è guerra?»

E festa sia, alla faccia del coronavirus.

Il nuovo Dpcm di novembre e il coprifuoco in tutta Italia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rave party di Halloween senza mascherine a Napoli

Today è in caricamento