rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Città Milano

Le tagliano la corrente, rischia di bruciare viva con le candele

Una signora milanese di 64 anni è salva per miracolo dopo l'incendio divampato in casa a partire da alcune candele accese. La donna non riusciva più a pagare le bollette

MILANO - Quelle candele accese di notte per fare un po' di luce in casa erano diventate necessarie dopo il distacco della corrente. E sono costate quasi la vita per una donna di 64 anni, Annamaria Coppoli, salvata in extremis da un vicino di casa dopo l'incendio divampato mercoledì scorso.

La signora, che non riusciva più a pagare le bollette e per questo aveva subìto il taglio della corrente, è ora ricoverata nel reparto grandi ustionati dell'ospedale Niguarda con ustioni sul 45% del corpo. Una storia in cui si mischiano indigenza e drammaticità, una realtà che colpisce sempre più famiglie in difficoltà economiche, anziani e persone sole in primis.

Mercoledì notte, in via Iglesias 38, Annamaria Coppoli si è addormentata con le candele ancora accese e da lì si è innescato il rogo: è stata salvata solo grazie all'intervento di un vicino romeno, Viorel T. In un primo momento si era parlato di ustioni di terzo grado sul 70-80 per cento del corpo, ma in serata i medici del Niguarda hanno ridimensionato l'estensione, che rimane comunque notevole. (da MilanoToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le tagliano la corrente, rischia di bruciare viva con le candele

Today è in caricamento