Giovedì, 29 Luglio 2021
Città Catania

Brucia la casa, bimbo di 10 anni salva i fratelli: "Non sono un eroe"

L'incendio è divampato sabato: nonostante il fuoco Diego ha chiamato subito i soccorsi con il cellulare che gli aveva regalato il papà, e poi ha portato fuori i più piccoli

Foto da video TgCom24

RAGALNA (CATANIA) - Un corto circuito ha scatenato le fiamme in casa. Due bambini, di 5 e 7 anni, sono al piano di sopra dell'abitazione. Mentre fiamme e fumo avanzano il "fratellone" di 10 anni, senza esitare, ha prima lanciato l'allarme, chiamando i pompieri e il papà, poi è salito di corsa a prendere la sorellina e il fratellino, mettendoli in salvo.

DIEGO - Il "piccolo" eroe di 10 anni si chiama Diego. Tutti i bambini erano rimasti soli nella casa a due piani, dove vivono anche i nonni, che in quel momento erano usciti. Diego ha visto le fiamme al piano superiore e ha pensato ai suoi fratellini: prima, dirà poi tra le lacrime ai suoi genitori, ha sbagliato a fare il numero. "Ho chiamato il 118, perché mi ero confuso". Poi ha composto il numero giusto, il 115, per allertare i pompieri, mentre qualcuno, intanto, ha avvertito i carabinieri.

"NON SONO UN EROE" - "Ho fatto quello cha andava fatto". Non si sente un eroe Diego. Lo dice ai suoi familiari, e lo riferisce telefonicamente all'Ansa suo zio, Enzo Messina, che è presidente del consiglio comunale di Ragalna. "Diego si è comportato come una persona adulta - aggiunge - è rimasto freddo, non si è fatto prendere dal panico, e ha agito con il massimo senso di responsabilità. Prima ha messo in sicurezza i suoi fratellini e poi ha chiamato aiuto, telefonando al 115. I pompieri hanno anche allertato i carabinieri che sono intervenuti subito".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucia la casa, bimbo di 10 anni salva i fratelli: "Non sono un eroe"

Today è in caricamento