rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Città Vercelli

Schianto a 200 all'ora in Ferrari: identificata la prima vittima, giallo sull'altro passeggero

Tutto lascia pensare che alla guida del bolide ci fosse Hysni Qestaj, dj 40enne originario del Kosovo. Dopo l'impatto con il guard rail l'auto si era spezzata in due per poi prendere fuoco

È stata identificata una delle due vittime dell’incidente avvenuto la mattina di Pasqua sulla bretella di raccordo tra Ivrea e Santhià, in provincia di Vercelli. Manca ancora la certezza assoluta (che arriverà solo con i risultati del test del Dna), ma tutto lascia pensare che a bordo della Ferrari GTC4 Lusso che si è schiantata contro il guard rail e ha preso fuoco, ci fosse Hysni Qestaj, disc-jockey 40enne originario del Kosovo, ma residente a Villeneuve, nel cantone del Vaud in Svizzera.

Proprio a Qestaj, noto come Dj Style Q, sarebbe stato intestato il veicolo. A confermare che mancano sue tracce da quel giorno (e che quindi è verosimilmente uno dei due deceduti) sarebbe stato il fratello, presentatosi in Italia. 

Incidente Alice Castello (foto vigili del fuoco e TorinoToday)

Il mistero della seconda vittima (che non ha ancora un nome)

Resta invece ancora senza nome l’altra vittima. Stando a quanto trapelato non si tratterebbe della moglie di Qestaj che sarebbe in Kosovo con i loro due figli. L'unica strada resta a questo punto l'identificazione col Dna, come disposto dal pm Mariaserena Iozzo della procura di Vercelli. Si tratterebbe comunque di una donna. 

L'incidente

I due occupanti sono morti carbonizzati. Nell’incidente la supercar da 690 cavalli si è spezzata letteralmente a metà. La parte anteriore schiantata contro lo spartitraffico in cemento e poi divorata dalle fiamme, quella posteriore invece sbalzata a cinquanta metri di distanza, fino a una piazzola d'emergenza. Per riuscire a estrarre i corpi dall'abitacolo i vigili del fuoco sono stati costretti a tagliare le lamiere. Al momento dell’impatto l'asfalto era bagnato. Il guidatore ha perso il controllo e il bolide ha colpito in pieno la spalletta di cemento del guardrail centrale. A quanto sembra la Ferrari andava veloce: in base ai primi rilievi si ritiene che il bolide viaggiasse ben oltre i limiti, a circa 200 km/h. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianto a 200 all'ora in Ferrari: identificata la prima vittima, giallo sull'altro passeggero

Today è in caricamento