rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Città Modena

Travolge e uccide un motociclista, poi scappa: caccia al pirata

Tragico incidente stradale a Modena: un 30enne di Mirandola ha perso la vita dopo l'impatto con un'utilitaria. Le forze dell'ordine a caccia del pirata della strada

MODENA - Una manovra azzardata, lo schianto tremendo, la fuga del pirata della strada. Andrea Testi, 30enne originario di Mirandola, ha perso la vita ieri sera a Modena, in sella alla sua Suzuki, dopo un urto violento con un'auto. Il conducente di quest'ultima, un'utilitaria grigia, si è poi dato alla fuga, senza soccorrere la vittima.

Lo schianto è avvenuto sul Canaletto, all'altezza dell'incrocio con stradello Ponte Basso. Il centauro è stato sbalzato dalla moto, che ha continuato la sua corsa per diversi metri. I soccorsi sono stati immediati, ma quando sono arrivati sul posto, per la vittima non c'era più nulla da fare.

Secondo i primi accertamenti della polizia municipale, il centauro procedeva verso la periferia quando è stato travolto dall'utilitaria scura che stava svoltando a sinistra su una via laterale. Alcuni testimoni avrebbero visto la macchina, seriamente danneggiata all'altezza di una ruota posteriore, fuggire verso il centro.

Le indagini della polizia municipale per risalire al pirata sono in corso: pare che nessuno sia riuscito ad annotare il numero di targa. Il corpo di Andrea Testi è stato portato all'istituto di medicina legale di Modena, mentre il magistrato di turno è stato informato dell'incidente: si indaga per omicidio colposo e omissione di soccorso, per ora contro ignoti.

TROPPI PIRATI DELLA STRADA IN EMILIA-ROMAGNA - L'Emilia-Romagna, con l'incidente di ieri sera, si conferma una delle regioni con il maggior numero di incidenti (23) provocati in estate da pirati della strada. In tutta Italia, nei mesi di luglio e agosto, l'Asaps - l'associazione sostenitori della Polstrada - ha rilevato 181 episodi, con 27 morti e 200 feriti. La media mensile è passata da nove vittime al mese a quasi quattordici, "in pratica un morto per pirateria ogni due giorni e più di tre feriti al giorno". Tredici delle 27 vittime erano pedoni, cinque ciclisti e nove i trasportati su veicoli. In 18 episodi (10%) le vittime della pirateria sono state dei minori. Un pirata su quattro è straniero. In calo la percentuale dei positivi all'alcol o droga, che si ferma al 17% di quelli sui quali è stato possibile effettuare la prova con etilometro o narcotest. Ben 109 pirati, sempre nel periodo estivo, sono stati identificati e 24 sono stati arrestati, mentre gli altri sono stati denunciati a piede libero. Per contrastare il fenomeno, lo scorso 11 settembre la commissione trasporti della Camera ha dato il via libera ad una miniriforma del codice della strada, passata ora all'esame dell'assemblea di Montecitorio, che inasprisce le pene nei confronti dei pirati della strada. Il giro di vite prevede, tra l'altro, la revoca della patente per un massimo di quindici anni. (da ModenaToday)
 

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolge e uccide un motociclista, poi scappa: caccia al pirata

Today è in caricamento