Martedì, 13 Aprile 2021
Brescia

Roberta Agosti ha sbandato per evitare i compagni caduti a terra: "Il camion l'ha presa in pieno"

Una tragica serie di sfortunate coincidenze. Roberta Agosti, la ciclista morta nello scontro con un camion su una strada di campagna nel Basso Garda, ha sterzato a sinistra per evitare alcuni compagni d'allenamento caduti a terra. Non ha avuto scampo

Foto: BresciaToday

Non c'è stata alcuna imprudenza, alcuna imperizia. Una tragica serie di sfortunate coincidenze. Roberta Agosti, la ciclista morta sabato nello scontro con un camion lungo una tranquilla strada di campagna nel Basso Garda, ha sterzato a sinistra per evitare alcuni compagni d'allenamento caduti a terra. Proprio in quell'istante un mezzo pesante l'ha centrata in pieno

Roberta Agosti, compagna dell'ex professionista Marco Velo, oggi assistente del ct azzurro Davide Cassani, aveva 51 anni e due figli. Era una insegnante di yoga e appassionata di ciclismo, ed era figlia di Antonio Agosti, fondatore del marchio di giocattoli "Toys". Il gruppo stava percorrendo la strada che da Madonna della Scoperta si dirige verso Lonato pedalando lungo via Fenil Nuovo, una stretta strada di campagna in leggera salita. A Castel Venzago alcuni ciclisti che precedevano Roberta sono caduti. Per evitarli, lei ha virato verso sinistra, scontrandosi frontalmente con la cisterna del latte che proveniva dall'opposto senso di marcia.

Aveva il casco protettivo, ma il trauma cranico gravissimo ha causato la morte della donna. La testimonianza dell'autista del camion è riportata da Bresciaoggi: «Ho visto il gruppo di ciclisti in lontananza che stavano procedendo in maniera compatta nell'altra corsia. Ero distante circa 150 metri dall'azienda in cui dovevo portare il latte. Poi, all'ultimo, ho notato che una ciclista ha sbandato. E purtroppo non ho potuto fare nulla». 

Il compagno Marco Velo ha affidato il suo dolore a Tuttobiciweb: "Sono a pezzi, non ho parole. Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è. Avevamo proprio scelto la campagna per pedalare in sicurezza e in tutta tranquillità, eravamo un gruppetto di amici che procedeva pian pianino, non più di 23 chilometri all'ora. Salivamo su una strada all'1%, ad un certo punto sono caduti in 3 o 4, Roberta ha sbandato e si è portata verso sinistra ed è stata presa in pieno dal camion cisterna che stava procedendo in senso contrario alla nostra marcia: da quel momento è in cominciato un incubo. Sono devastato. Il ciclismo ci aveva fatto conoscere, e il ciclismo ci ha separato. Stavamo bene assieme, era un anno e mezzo che ci frequentavamo, entrambi venivamo da due storie finite, e adesso mi trovo a piangere una donna che amavo e dentro di me ho solo un profondo e incontenibile sentimento di fine".

I funerali di Roberta Agosti domani, lunedì 6 luglio, alle 15:30, nella parrocchia del Buon Pastore di viale Venezia a Brescia, con partenza alle 15:15 dall'obitorio della Poliambulanza. 

Roberta Agosti, il messaggio di Davide Cassani

Fra i tanti che hanno espresso la loro vicinanza c'è anche Davide Cassani, commissario tecnico della nazionale italiana, e grande amico di Marco Velo: "Roberta aveva appena 51 anni ed era la compagna di vita di Marco Velo - scrive Cassani - Lo scorso fine settimana l’abbiamo trascorso insieme, tre fantastiche giornate all’insegna della bicicletta. Venerdì il Barbotto, sabato il Carpegna, domenica le colline romagnole di Longiano e Sogliano. Lei sempre sorridente, allegra, felice di stare insieme a noi, con la sua bicicletta, la nostra passione. E questa mattina la tragedia. Un gruppetto di amici, il solito giretto del sabato, una strada di campagna nel bresciano per nulla trafficata ed in leggera salita, nessuna curva. Roberta, per evitare due amici caduti davanti a lei, si è buttata sulla sinistra. Purtroppo, fatalmente, stava arrivando un camion che peraltro viaggiava a velocità ridotta. L’impatto è stato fatale e Roberta non ha avuto scampo.  Per me Marco è un fratello e non solo il mio collaboratore più fidato. Il giorno che sono diventato Commissario Tecnico la prima telefonata l’ho fatta a lui: ti voglio con me in nazionale. Abbiamo diviso molte cose io e Marco, lui sa sopportarmi, io ascoltarlo. Dimenticare Roberta sarà molto difficile ma vorrei garantire Marco che sono qui per aiutarlo, per abbracciarlo e per chiedergli di fare metà con me del suo dolore. La vita mi sta insegnando che niente conta di più dell’affetto, dell’amore che si può dimostrare ad una persona. La sincera partecipazione al suo dolore forse è poco ma è tutto quello che ho. Ciao Roberta che la terra ti sia leggera".

Tragedia nel ciclismo: Roberta Agosti morta travolta da un camion

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberta Agosti ha sbandato per evitare i compagni caduti a terra: "Il camion l'ha presa in pieno"

Today è in caricamento