rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca / Benevento

Carabiniere uccide la moglie dopo un inseguimento: poi si suicida

Un appuntato scelto dei carabinieri ha inseguito la moglie in auto, l'ha costretta ad accostare e le ha sparato. Poi, con la stessa pistola, ha fatto fuoco contro se stesso

BENEVENTO -  Assume contorni sempre più inquietanti l'omicidio suicidio del capoluogo sannita, dove un carabiniere ha ucciso sua moglie prima di togliersi la vita con la pistola d'ordinanza. Abbandonata la pista che inizialmente aveva fatto pensare ad una discussione finita male. L'appuntato, a quanto si apprende, non si trovava in auto con la moglie, ma l'avrebbe inseguita per poi ucciderla.  

Secondo una prima ricostruzione, il carabiniere Luigi Chiumiento avrebbe inseguito con la propria auto la moglie che era alla guida della sua Citroen. Una volta raggiunta, il militare le ha tagliato la strada costringendola a frenare. A quel punto Chiumiento sarebbe sceso dall'auto, si sarebbe avvicinato allo sportello di guida della Citroen ed avrebbe fatto fuoco attraverso il finestrino. La moglie, Raffaella Ranauro, è morta sul colpo. 

Subito dopo, l'appuntato sarebbe risalito sulla propria auto, una Peugeot 807, e si sarebbe sparato un colpo sotto il mento. La coppia, l'uomo 46 anni, lei 41, lascia tre figli di 19, 16 e 9 anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabiniere uccide la moglie dopo un inseguimento: poi si suicida

Today è in caricamento