Giovedì, 29 Luglio 2021
Città Brescia

Troppa pioggia, il paese "affonda": panico per residenti e turisti

Nuovo allarme a Desenzano (Brescia) dopo la prima "crisi" a ridosso di Ferragosto: le forti piogge di lunedì sera hanno fatto letteralmente affossare il lungolago

Foto BresciaToday

Il lungolago di Desenzano, in provincia di Brescia, si sta lentamente (per fortuna solo in parte) inabissando nelle acque del Garda. Un paese che affonda, letteralmente. Aveva già ceduto a ridosso di Ferragosto: la strada era stata chiusa e il transito vietato.

Per rimettere in sicurezza l’area era stato preventivato un investimento di oltre un milione di euro. Soldi che per forza di cose sono destinati ad aumentare, a seguito del nuovo crollo la notte scorsa. A far precipitare la situazione, nel vero senso della parola, sono state le forti piogge e la violenta grandinata di lunedì sera nella zona del basso Garda bresciano. 

A Salò, Puegnago, Manerba e Soiano sono caduti chicchi grandi come palline da golf, con tutte le conseguenze del caso: danni ai tetti, alle automobili, alle coltivazioni. Sarà da verificare l’ennesima “botta” subita dalle uve pregiate coltivate nella zona, e dagli olivi.

Diversi gli interventi dei Vigili del Fuoco: qualche ramo spezzato, disagi alla viabilità, problemi per i campeggiatori in tenda, perfino la Guardia Costiera intervenuta per portare in salvo (per fortuna senza gravi conseguenze) due persone che erano a largo di Moniga. La tempesta è durata poco, ma ancora una volta ha lasciato il segno.

La notizia su BresciaToday
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppa pioggia, il paese "affonda": panico per residenti e turisti

Today è in caricamento