Sabato, 23 Ottobre 2021
Parma

Mamma no vax bocciata dai giudici: i figli adolescenti possono vaccinarsi

Due ragazzi di 14 anni avevano espresso la volontà di vaccinarsi. I genitori, separati, erano su posizioni opposte: la madre contraria, il padre favorevole. La decisione del tribunale di Parma

Sì al vaccino per due fratelli minorenni con la sola autorizzazione del padre, nonostante la contrarietà della madre. Questa la decisione del tribunale di Parma sul caso di due ragazzi di 14 anni, che avevano espresso la volontà di sottoporsi al vaccino.

Nella sentenza si precisa che i due adolescenti "godono di buona salute e non ci sono controindicazioni specifiche per la somministrazione del vaccino". Inoltre, scrivono i giudici della prima sezione civile del tribunale di Parma, "la comunità scientifica nazionale e internazionale concordemente ritiene che i vaccini approvati dalle autorità nazionali e internazionali hanno una elevata efficacia nel proteggere dalla malattia grave sia i singoli e sia la collettività con un rapporto rischi benefici in cui i benefici sono superiori ai rischi in tutte le fasce di età, comprese quelle dei più giovani che sono anche quelle in cui la circolazione del virus è più elevata per la maggiore socializzazione". Inoltre, chiariscono i giudici, "in caso di mancata vaccinazione sussiste da un lato un maggior rischio per i singoli, compresi i minori, di contrarre la malattia e dall'altro ripercussioni negative sulla vita sociale e lavorativa delle persone e, per quanto riguarda i minori, sul loro percorso educativo e formativo oltre che la certa maggiore diffusione dell'infezione e della malattia".

Mamma no vax, padre favorevole: alla fine decide il tribunale

I due 14enni sono figli di una coppia separata. I genitori non avevano trovato un accordo sull'adesione o meno dei due ragazzi alla campagna vaccinale: la madre era contraria e il padre era favorevole, mentre i figli avevano espresso la volontà di vaccinarsi. Come riferisce La Gazzetta di Parma, lo scorso 25 agosto il padre aveva depositato un ricorso urgente al tribunale civile di Parma e il 29 settembre si è svolta l'udienza. Il giudice ha ascoltato i due ragazzi, che hanno raccontato di essersi ben documentari sul vaccino, compresi rischi e benefici, e di voler essere vaccinati al pari dei propri compagni di classe per poter tornare così a condurre una vita più libera, in compagnia e in maggiore sicurezza. Lunedì, dopo la decisione di un collegio giudiziale, è arrivato il provvedimento che ha accolto la richiesta dei due ragazzi, che si sono così potuti vaccinare senza la firma-assenso della madre. Nella sentenza, il collegio ha ritenuto le posizioni della madre dei due ragazzi fondati su teorie di soggetti "che si pongono fuori dalla comunità scientifica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mamma no vax bocciata dai giudici: i figli adolescenti possono vaccinarsi

Today è in caricamento