rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Lissone / Monza e della Brianza

Il maialino abbandonato alla fermata del bus

Peter non è il primo esemplare di maialino thailandese che viene abbandonato: una moda pericolosa

Alcuni cittadini di Lissone (in provincia di Monza e Brianza) mentre stavano portando il loro cane a fare una passeggiata hanno trovato all'interno di un contenitore di cartone un maialino nano thailandese di soli tre mesi. Ovviamente infreddolito e terrorizzato. 

Una volta scoperto il maialino abbandonato, sono stati allertati i carabinieri di Desio, il servizio di zooprofilassi dell'Ats Monza Brianza e il rifugio dell'Enpa di Monza. Il maialino, ribattezzato Peter, era in buone condizioni di salute, nonostante l'abbandono e nonostante un iniziale e comprensibile spavento: è stato visitato dai veterinari dell'Ats, i quali hanno provveduto a fargli tutti gli esami del caso.

Come hanno spiegato i volontari dell'Enpa di Monza, Peter non è il primo esemplare di maialino thailandese che arriva nella loro struttura: qui dal 2014 si trova anche Scrooge, che era stato trovato nel bosco urbano di Lissone, dove si era rifugiato dopo un'incredibile fuga da un circo in compagnia di un cammello. Scrooge era arrivato ferito essendo stato aggredito da alcuni cani. Oltre a Scrooge, l'Enpa di Monza ospita anche Heidi (altra maialina vietnamita) che, dopo la scomparsa del suo padrone in Brianza, vive in un recinto e interagisce con gli altri animali. 

L'Enpa ci tiene a precisare che nonostante questi maialini siano esemplari "nani", possono comunque arrivare a raggiungere i 90 chili e rimangono animali inadatti a vivere in un appartamento: hanno bisogno di uno spazio aperto, di un riparo comunque adeguato e possibilmente di una pozza d'acqua, fanno sapere gli esperti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maialino abbandonato alla fermata del bus

Today è in caricamento