rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Città Brescia

Padre di famiglia travolto e ucciso mentre rincasa dal lavoro

Auto e scooter sono volati in un canale a seguito dell'impatto

E' morto sul colpo in sella al suo scooter dopo essere stato travolto da una Fiat Punto guidata da un 18enne neopatentato. Marco Zilioli, operaio 54enne di origini napoletane ma residente a San Paolo nel bresciano, è stato scaraventato in un canale e schiacciato dal peso del suo stesso scooter. L'incidente è avvenuto lunedì pomeriggio dopo le 14 a Manerbio (Brescia), sulla strada per Cadignano: l'uomo aveva appena finito il turno di lavoro in fabbrica, dove faceva l'operaio, e stava tornando a casa.

All'altezza del porticciolo sul confine con Cadignano si è consumata la tragedia. Qui il ragazzo alla guida della Punto avrebbe perso il controllo della sua auto. Una carambola impazzita che lo ha fatto finire fuori strada, dritto nella roggia dopo un volo di qualche metro. Proprio nel momento in cui stava passando Zilioli: centrato in pieno dall'auto, scaraventato di sotto. Morto sul colpo. Per lui purtroppo non c'è stato niente da fare: sarebbe stato un ex pompiere (oggi in pensione) ad assistere da lontano allo schianto e ad avvisare i soccorsi. La centrale operativa ha inviato sul posto ambulanza e automedica, l'elisoccorso, la Polizia Stradale per i rilievi.

Il giovane sulla Punto è grave in ospedale: non è in pericolo di vita, è stato trasferito a Brescia in elicottero. Per Marco Zilioli, sposato e padre di due figli, invece era già troppo tardi. Si cerca di capire ora il perché di quella sbandata fatale: forse una distrazione, forse un malore.

La notizia su BresciaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre di famiglia travolto e ucciso mentre rincasa dal lavoro

Today è in caricamento