Lunedì, 20 Settembre 2021
Città Milano

Mariana, la donna di 35 anni trovata morta nella casa di lusso a Milano: si è suicidata

Svolta nelle indagini sulla morte della colf: tutto lascia pensare a un suicidio

Mariana Odica | Foto Facebook

Non c’è stato “nessun intervento di terzi”, “nessuna lesione da difesa”. Sono le fredde parole del medico legale a chiudere - almeno per ora - il mistero sulla morte di Mariana Odica, la colf di trentacinque anni ritrovata morta il 10 luglio scorso a Milano nell’appartamento di viale Coni Zugna 65 dove da qualche giorno lavorava come collaboratrice domestica. La donna originaria di Tulcea, in Romania, era stata trovata in una lago di sangue - con segni di cinque coltellate al petto e alla gola - dalla proprietaria della casa, un’abitazione su due piani con telecamere di sicurezza e antifurto. 

Colf morta a Milano: le indagini

È stato proprio il tecnico dell’antifurto a fornire agli agenti della Squadra mobile della Questura di Milano l’ennesima prova che la pista dell’omicidio non poteva reggere. Nessuna manomissione all’impianto, nessun frame mancante dalle sette telecamere che coprivano la casa, nessuno che compare nei video mentre esce dall’unica finestra trovata aperta in casa e nulla fuori posto: Mariana, questa la conclusione delle indagini, si è suicidata. 

Dall’esame necroscopico effettuato sul suo corpo, ha spiegato il medico legale ai poliziotti, non sono emersi segni di “intervento di terzi” né di colluttazioni: la donna è morta dissanguata dopo essersi ferita con un coltello trovato proprio sotto il suo corpo.  

Mariana Odica, è stato un suicidio

La morte, ha stabilito il dottore, è avvenuta nelle ventiquattro ore che vanno tra le 14 del sabato e della domenica.

Continua a leggere su MilanoToday
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mariana, la donna di 35 anni trovata morta nella casa di lusso a Milano: si è suicidata

Today è in caricamento