rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Città Ferrara

Madre della sposa positiva e tutti in quarantena, le nozze saltano a 36 ore dal sì: "Ora chiediamo i danni"

I futuri sposini intendono chiedere i danni per una presunta cattiva gestione da parte dell'ospedale, in particolare nella comunicazione della positività all'anziana

I fatti risalgono a qualche settimana fa, ma solo oggi la notizia rimbalza tra quotidiani locali e agenzie di stampa. Una coppia ha annullato il matrimonio a 36 ore dalla cerimonia perché la madre della sposa è risultata positiva al coronavirus e, a causa dei contatti con lei, anche i futuri coniugi dovevano restare in isolamento.

Nula di anomalo, visti i tempi che stiamo vivendo. Ma ora i futuri sposini intendono chiedere i danni per una presunta cattiva gestione da parte dell'ospedale, in particolare nella comunicazione della positività all'anziana. La vicenda è riportata dalla Nuova Ferrara ed è avvenuta proprio nella città Estense.

La donna, 70enne, pochi giorni prima delle nozze di sua figlia, aveva accusato dolori addominali. Dopo aver consultato il medico di base, è andata al pronto soccorso di Cona. Dopo alcuni esami, tra i quali il tampone, la donna è stata visitata e dimessa con alcune prescrizioni. Tuttavia i sintomi sono proseguiti e il pomeriggio dopo ha deciso di tornare in ospedale e lì al triage del pronto soccorso ha appreso che il tampone del giorno prima aveva dato esito positivo. Le sarebbe stato detto che la positività le era stata comunicata con un sms, effettivamente ricevuto, ma con un codice attraverso cui accedere a un sistema per poi avere il risultato. La donna, le cui condizioni erano serie, è stata ricoverata poi per una decina di giorni.

La "mancata sposa" a quel punto è andata dall'avvocato. L'obiettivo? Verificare se sarà possibile chiedere i danni morali e materiali per il matrimonio saltato (le spese per ristorante, fiori, etc) e poi si valuterà anche il fatto che non aver individuato subito i sintomi e aver dimesso la donna, spiega l'avvocato all'Ansa, poteva costituire per la 70enne un rischio, peraltro in un periodo in cui Omicron non era ancora dilagata e non c'erano ancora tutti i problemi di tracciamento e organizzativi attuali.

Le nozze intanto sono in stand-by: la nuova data non è ancora in calendario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madre della sposa positiva e tutti in quarantena, le nozze saltano a 36 ore dal sì: "Ora chiediamo i danni"

Today è in caricamento