rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Città Torino

Certificati di esenzione Covid "facili": arrestato medico no vax

Giuseppe Delicati avrebbe firmato i documenti senza avere i titoli per farlo. Indagini anche su diversi pazienti, che avrebbero dichiarato il falso per avere l'attestazione

Avrebbe rilasciato certificati di esenzione per il vaccino Covid senza averne titolo. Con questa accusa è stato arrestato Giuseppe Delicati, medico no-vax di Borgaro Torinese. La misura cautelare è stata eseguita dai carabinieri del nucleo antisofisticazione sanità (Nas) di Torino. A Delicati, prepensionato su sua stessa richiesta dallo scorso gennaio, si contesta "l'errore determinato dall’altrui inganno e la falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici".

Il giudice ha ritenuto sussistenti "i gravi indizi di colpevolezza e il concreto e attuale pericolo di reiterazione del reato in relazione al rilascio di un numero indeterminato di certificati medici di esenzione o differimento dalla vaccinazione, in assenza del requisito essenziale relativo al possedimento della qualifica di medico vaccinatore nell’ambito della campagna di vaccinazione, qualifica ricoperta dal medico solo per un brevissimo lasso temporale intercorso dall’ottenimento delle fiale ad ottobre 2021 fino alla data di revoca della convenzione con il servizio sanitario nazionale disposta quale provvedimento disciplinare dall’Asl di competenza (la To4, ndr)".

Inoltre, nell'ipotesi di accusa, "la condotta del medico è stata ritenuta lesiva degli interessi delle pubbliche amministrazioni che tramite i suoi certificati sarebbero state indotte in errore sulla sussistenza di idonee condizioni di sicurezza per l’ammissione al servizio di diversi professionisti soggetti all’obbligo vaccinale (personale sanitario, scolastico o appartenente alle forze dell’ordine), i quali avrebbero cercato dunque di evitare di essere sottoposti al provvedimento di sospensione dal servizio attestando contrariamente al vero l’incompatibilità di talune patologie con il vaccino".

Per la vicenda dei certificati sono indagati anche diversi pazienti del medico che, prima dell'apertura dell'inchiesta sui certificati, era finito nell'occhio del ciclone per un video negazionista del Covid che gli era valsa un'altra iscrizione nel registro degli indagati, in quell'occasione da parte della procura di Ivrea, con l'accusa di procurato allarme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Certificati di esenzione Covid "facili": arrestato medico no vax

Today è in caricamento