Lunedì, 10 Maggio 2021
Latina

"Cento persone infettate": messaggio su WhatsApp crea il panico, autore denunciato

Era una fake news: l'autore del messaggio circolato su diverse chat WhatsApp è stato denunciato per procurato allarme. E' successo a Terracina

Foto di archivio Ansa

Era tutto falso, una fake news. E per questo l'autore del messaggio è stato denunciato per procurato allarme. "Cento persone infettate dal Covid e in isolamento a Terracina": è questo il messaggio audio diffuso il 21 maggio scorso su WhatsApp, con cui una persona comunicava, in toni allarmistici, di aver appreso dal personale sanitario che a Terracina (in provincia di Latina), a causa della positività di un medico in servizio nel reparto di nefrologia e dialisi, cento persone erano state messe in isolamento dopo gli accertamenti medici.

Una notizia diventata subito virale, destando grave allarme sociale tra la popolazione, con conseguenze negative per il servizio sanitario locale, i cui centralini erano stati subissati di telefonate da parte degli utenti per comprendere se la notizia fosse vera. Nei giorni seguenti al messaggio, gli accessi al pronto soccorso sono diminuiti di oltre il 50% per il timore di un eventuale contagio, proprio a causa della diffusione della notizia e del panico creato. Il personale medico ha quindi formalizzato in questura una denuncia contro ignoti, smentendo la notizia diffusa via WhatsApp.

La Digos di Latina ha condotto le indagini e ha individuato in breve tempo l’autore della fake news. Si tratta un 43enne del posto, che avrebbe poi ammesso di essere l’autore del messaggio allarmistico inizialmente diffuso solo a una ristretta cerchia di amici. L’uomo è stato quindi denunciato all'autorità giudiziaria per il reato di procurato allarme.

"Lei è entrato in contatto con un caso di coronavirus": sms ai cittadini inviato per errore

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cento persone infettate": messaggio su WhatsApp crea il panico, autore denunciato

Today è in caricamento