Lunedì, 26 Luglio 2021
milano

"Aprite, è un controllo anti terrorismo". Milano, boom di rapine nel quartiere arabo

I colpi potrebbero essere opera della stessa banda di finti poliziotti. Una testimone: "L'arma puntata alla tempia di una bambina"

Immagine d'archivio

Il copione è stato sempre lo stesso. Pistole spianate, urla e porte sfondate. E la zona, così come il tempismo, non sono stati affatto scelti a caso.

Boom di rapine nel quartiere arabo di Milano - zona San Siro -, diventato 'terra di caccia' per una banda di finti poliziotti che nell'ultima settimana ha svaligiato almeno tre appartamenti fingendo di dover perquisire le case. 

I finti agenti, che con ogni probabilità stanno sfruttando l’onda lunga delle attività antiterrorismo del post attentati di Bruxelles, si presentano con le pistole in pugno e sfondano le porte delle abitazioni. Quindi, una volta all’interno, spiegano di essere della polizia e di dover fare delle perquisizioni. 

In realtà, però, i banditi non sono affatto poliziotti e dopo aver ripulito le case di soldi e ori spariscono nel nulla, scommettendo sulla paura degli abitanti della zona a denunciare. 

Stando ai racconti della comunità, gli episodi emersi fino a questo momento sono tre, anche se non si può escludere che altri episodi non siano stati denunciati. In un caso, secondo una testimone, i rapinatori avrebbero puntato anche una pistola puntata alla tempia di una bambina. 

"Qui molti sono abusivi - ha ammesso un venditore all’Ansa -. Non denunciano perché hanno paura di perdere la casa, anche se sono in regola con il soggiorno. Colpiscono qui perché siamo deboli". 
La notizia su MilanoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aprite, è un controllo anti terrorismo". Milano, boom di rapine nel quartiere arabo

Today è in caricamento