Martedì, 3 Agosto 2021
Verona

Uccide madre e sorella, le fa a pezzi e getta i loro corpi nelle acque dell'Adige

Andrei Filip ha confessato il duplice omicidio delle due donne di cui si erano perse le tracce oramai da sabato: a denunciare la loro scomparsa era stata la figlia più grande

Mirela Balan e sua figlia (foto Facebook)

VERONA - Tragico epilogo nella vicenda della madre e la figlia scomparse ad Albaredo d'Adige: il figlio Andrei Filip infatti ha confessato il duplice omicidio dopo essere stato messo sotto torchio dai carabinieri, come riporta L'Arena. 

Mirela Balan, 40enne di origini romena, lavorava come badante: di lei e della piccola Larisa, di 12 anni, si erano perse le tracce da sabato.

Le ricerche hanno preso il via il 17 febbraio, in seguito alla scomparsa denuniciata dalla figlia più grande, di 22 anni, che da qualche tempo non abitava più con la madre. I carabinieri della Compagnia di Legnago allora, coordinati dal capitano De Angelis, hanno iniziato a perlustrare il territorio, aiutati dai vigili del fuoco e da un'unità cinofila di Firenze, che ha condotto gli investigatori sulle sponde dell'Adige.

I resti delle due non sono ancor stati trovati ma il 20enne, interrogato dai carabinieri, ha ammesso di averle uccise entrambe con un grosso coltello da cucine e di essersi liberato poi dei corpi facendoli a pezzi e gettandoli nelle acque del fiume. 

Tutti gli aggiornamenti su VeronaSera

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide madre e sorella, le fa a pezzi e getta i loro corpi nelle acque dell'Adige

Today è in caricamento