Lunedì, 25 Ottobre 2021
Città Caserta

Va a partorire e scopre di avere il coronavirus: zona rossa a Mondragone

La donna era giunta al pronto soccorso di Sessa Aurunca prossima al parto. Un uomo che vive nello stesso palazzo a Mondragone è risultato positivo al coronavirus. Tamponi a tappeto, predisposto un cordone sanitario. Una buona notizia: il bimbo è negativo

Aggiornamento ore 17:05 I Palazzi Cirio 'zona rossa' dopo il nuovo focolaio 

Un cordone sanitario attorno ai Palazzi Cirio di Mondragone dopo che nelle ultime 48 ore sono stati certificati 5 casi di positività al coronavirus tra i residenti della cittadina casertana. Buona notizie arrivano comunque dall'ospedale Moscati di Avellino dove è risultato negativo al Covid-test il neonato nato da una mamma positiva. Resterà monitorato per verificare l'evoluzione ma le sue condizioni sono buone.

mondragone zona rossa-2

Predisposto un 'cordone sanitario' con i presidi della polizia municipale che stanno garantendo la chiusura di ogni varco di accesso all'area Cirio sia da viale Margherita che la SS Domiziana utilizzando piccoli blocchi di cemento (geos) e transenne. 

Mondragone, partorisce e scopre di essere contagiata

La donna di nazionalità bulgara era giunta venerdì al pronto soccorso dell'ospedale civile di Sessa Aurunca prossima al parto ed è stata sottoposta come protocollo sanitario prevede al tampone rinofaringeo per il Covid-19. Nella notte tra venerdì e sabato ha dato alla luce il suo bimbo. Il tampone a cui era stata sottoposta è stato processato dall'ospedale civile di Marcianise ed ha dato esito positivo al Covid-19.

Immediati gli esami sul neonato, è partito poi il protocollo di sanificazione dell'intero presidio ospedaliero sessano. La donna è risultata essere in buona salute e del tutto asintomatica, anche il neonato sta bene. Madre e figlio sono stati trasferiti presso altri due presidi ospedalieri Covid: la madre presso il Reparto Malattie Infettive Covid dell'azienda ospedaliera del Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta ed il figlio al plesso ospedaliero Moscati di Avellino.

Mondragone, rischio focolaio di coronavirus

C'è però il rischio di un focolaio, anche se il primo cittadino tranquillizza tutti. Infatti al pronto soccorso nella notte tra sabato e domenica è giunto un uomo bulgaro residente a Mondragone nello stesso stabile della neo mamma sua connazionale positiva al Covid-19, con febbre alta e problemi respiratori. Immesso nel percorso dedicato al Covid-19 del nosocomio sessano e sottoposto a tampone rinofaringeo, il degente è risultato positivo. In atto il trasferimento dello stesso presso il presidio covid dell'ospedale di Maddaloni. Ancora in corso il nuovo processo di sanificazione dell'intero presidio ospedaliero sessano.

L'UOPC (Unità Operativa di Prevenzione Collettiva)di Mondragone si è attivata per sottoporre le 165 unità abitative dei Palazzi Cirio al tampone rinofaringeo con l'ausilio della polizia municipale mondragonese che ha monitorato le fasi dell'indispensabile iter medico presidiando la zona. “Quale prima autorità sanitaria locale ho immediatamente attivato le procedure previste dal protocollo Covid per l'individuazione dei contatti e per gli stessi la predisposizione della quarantena - ha spiegato il primo cittadino mondragonese Virgilio Pacifico”. 

L'atteggiamento da parte degli occupanti dei Palazzi Cirio, quasi tutti di nazionalità bulgara, è stato ovviamente molto collaborativo. Una peculiare attività di indagine della rete di contatti dei due contagiati portata avanti dagli uomini della Polizia municipale di Mondragone ha permesso di risalire a due famiglie residenti a via Como nei 'Palazzi Isocomo' che sono state sottoposte subito a tampone. Nei prossimi giorni si conoscerà l’esito dei test. “Da sindaco e da medico - ha aggiunto Pacifico - rassicuro i cittadini circa l'assenza di rischio di contagio fermo restando che ciascuno deve attenersi scrupolosamente alle norme di igiene e profilassi prescritte poiché rappresentano ancora la più efficace attività di contrasto all'eventuale diffusione del virus”.

Bambina nata dalla mamma in coma col Covid: negativa al virus ma deve essere operata al cuore

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va a partorire e scopre di avere il coronavirus: zona rossa a Mondragone

Today è in caricamento