Venerdì, 22 Ottobre 2021
Città Milano

Stilista morta a Milano, al vaglio il racconto del fidanzato

Gli inquirenti cercano riscontri su filmati e celle telefoniche per far luce sulla morte di Carlotta Benusiglio, la stilista di 37 anni ritrovata impiccata la mattina martedì 31 maggio a un albero dei giardinetti di Piazza Napoli

MILANO - Gli inquirenti milanesi stanno conducendo una serie di accertamenti alla ricerca di riscontri sulle dichiarazioni rese nei giorni scorsi dal fidanzato di Carlotta Benusiglio, la stilista di 37 anni ritrovata impiccata la mattina martedì 31 maggio a un albero dei giardinetti di Piazza Napoli, zona semi centrale di Milano. Il fascicolo del pm Antonio Cristillo per "istigazione al suicidio" resta per il momento aperto contro ignoti.

LE INDAGINI - Ma gli inquirenti non escludono nessuna pista investigativa: anche se l'ipotesi più concreta resta quella del suicidio, non mancano gli interrogativi, a partire della posizione del cadavere che, almeno all'apparenza, è poco compatibile con una morte autoindotta: il collo della donna era legato a un ramo dell'albero con una sciarpa, ma i suoi piedi toccavano terra.

IL FIDANZATO - Naturale, dunque, che in questa fase le indagini puntino a verificare la versione fornita dal fidanzato della donna agli investigatori della Polizia. L'uomo, ascoltato come persona informata dei fatti insieme ad altri testimoni, ha raccontato di aver trascorso la serata di lunedì in compagnia di Carlotta in alcuni locali della zona Navigli.

LA LORO STORIA D'AMORE - I due hanno alle spalle una storia turbolenta e litigiosa, più volte si erano lasciati e riappacificati, e in tre occasioni la stilista si era presentata in ospedale per violenze subìte dal fidanzato che era stato denunciato per maltrattamenti. La sera di lunedì, entrambi hanno bevuto parecchio, circa 6-7 cocktail, tanto che la situazione sarebbe poi degenerata e tra i due sarebbe scoppiata una lite. A tarda notte, intorno alle due, il ritorno a casa: l'uomo ha fatto mettere a verbale di aver accompagnato Carlotta in zona Piazza Napoli, a pochi passi dalla sua abitazione, e di essersene andato in taxi. Soltanto in un secondo momento si sarebbe accorto che la stilista aveva dimenticato le chiavi di casa a bordo della sua auto. Carlotta non sarebbe dunque mai rientrata a casa: la mattina successiva l'hanno ritrovata impiccata con la stessa sciarpa che aveva indossato per tutta la serata precedente.

LE TELECAMERE - Nella zona di Piazza Napoli ci sono diverse telecamere di sicurezza. Gli inquirenti coordinati dai pm Antonio Cristillo e Alberto Nobili hanno già acquisito i filmati e li stanno esaminando in queste ore insieme alle celle telefoniche a caccia di conferme sulla versione dei fatti resa dall'uomo. Il suo racconto per il momento è ritenuto "attendibile". Soltanto se dagli accertamenti dovessero emergere incongruenze evidenti, la sua posizione potrebbe cambiare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stilista morta a Milano, al vaglio il racconto del fidanzato

Today è in caricamento