Sabato, 31 Luglio 2021
Città Padova

Ucciso dai carabinieri: "Era fuori di sé, ci ha aggrediti"

Marco Guerra, 30 anni, non voleva farsi ricoverare in ospedale. Uno dei due militari ha sparato per difendere il collega, ferito dall'uomo che aveva tentato di fuggire attraverso i campi

PADOVA - Un uomo di 33 anni, Mauro Guerra, è stato ucciso a Carmignano Sant'Urbano, nel padovano. A sparare un carabiniere, intervenuto con un collega dopo essere stati chiamati per sedare una lite in famiglia. 

Arrivati sul posto, i militari hanno trovato Guerra completamente fuori di sè. I due hanno provato a convincerlo a salire sull'ambulanza per farsi ricoverare in ospedale, ma l'uomo è fuggito per i campi. Uno dei due carabinieri lo ha raggiunto ma è stato colpito alla testa. L'altro militare, vedendo il collega a terra con il viso ridotto a una maschera di sangue, ha esploso due colpi in aria per fermare l'aggressore. Guerra ha continuato invece ad accanirsi sul carabiniere ferito e così il militare ha sparato, uccidendolo. 

Mauro Guerra, ex carabiniere ausiliario del Reggimento Paracadutisti, laureato in Economia aziendale, appassionato di body building con un passato da buttafuori, alto di statura (1,90 metri) e di corporatura massiccia (130 chili), è morto poco dopo. Da tempo Guerra soffriva di una grave forma di depressione. Sconvolti i parenti. La sorella, in preda alla disperazione, urlava di non aver potuto nemmeno vedere il cadavere del fratello, gridando: "Me l'hanno amamzzato come un cane". 

Il carabiniere aggredito è stato portato in ospedale, in prognosi riservata per frattura della teca cranica, della mandibola e di sei costole, ma non è in pericolo di vita. Il collega che ha sparato invece verrà probabilmente iscritto nel registro degli indagati. (da PadovaOggi)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso dai carabinieri: "Era fuori di sé, ci ha aggrediti"

Today è in caricamento