Martedì, 19 Ottobre 2021
Torino

La multa al minimarket per le troppe persone all'interno del locale

È scattata la chiusura per cinque giorni. Contestata anche l'assenza di igienizzanti per le mani. Ecco le regole per i commercianti nelle regioni in zona arancione

Troppe persone all'interno del minimarket. Ecco perché la polizia locale ha chiuso per cinque giorni e multato di 400 euro un locale di via Nizza a Torino. Nel corso di un controllo eseguito la sera di venerdì dagli agenti del comando sezione VIII San Salvario-Cavoretto-Borgo Po, è stata constatata la presenza di un numero eccessivo di persone nell'esercizio commerciale. Non solo, perché il titolare del minimarket, un cittadino bengalese di 36 anni, "non aveva messo in atto - scrive la polizia locale in una nota - nessuna misura preventiva per garantire l'accesso scaglionato e quindi rispettare la distanza interpersonale stabilita dalla norma".

Troppe persone all'interno del locale: minimarket multato e chiuso

All'ingresso del locale, precisa la polizia locale, "non è stato posizionato nessun cartello indicante la capienza massima del locale, né predisposta un'adeguata informazione sulle misure di prevenzione. Il locale, inoltre, è risultato sprovvisto di prodotti igienizzanti per le mani". Lo stesso locale era già stato multato nel mese di maggio per la vendita di alcolici oltre l'orario consentito, sempre in violazione delle norme anti coronavirus. Pertanto, l’attività sarà segnalata al prefetto per ulteriori eventuali sanzioni.

Le regole per i commercianti nelle regioni in zona arancione

Il Dpcm 3 novembre 2020 ha individuato tre aree, corrispondenti ad altrettanti scenari di rischio, per le quali sono previste specifiche misure restrittive. Il Dpcm 3 dicembre ha confermato questa impostazione. A quali regole devono attenersi i commercianti, che svolgono attività diverse da quelle di ristorazione, e i gestori degli esercizi commerciali al dettaglio che sono aperti nelle regioni in zona arancione (come il Piemonte)? Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole. Le attività commerciali al dettaglio si svolgono comunque a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni.

Inoltre, le attività aperte devono rispettare i protocolli o le linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, comprese le misure di cui agli allegati 9 e 11 del dpcm, relativi rispettivamente al “Commercio al dettaglio” e alle “Misure per gli esercizi commerciali”. Fra queste vi è il mantenimento, in tutte le attività, del distanziamento interpersonale e la pulizia e l’igiene ambientale almeno due volte al giorno e in funzione dell’orario di apertura, nonché la garanzia di adeguata aereazione naturale e ricambio d'aria. È inoltre obbligatorio far rispettare le altre misure anti-contagio, come l’ingresso uno alla volta negli esercizi di vicinato (fino a 40 metri quadrati), oltre a un massimo di due operatori e l’accesso regolamentato e scaglionato, in proporzione alla relativa superficie aperta al pubblico, nelle medie e grandi strutture di vendita, differenziando, ove possibile, percorsi di entrata e di uscita.

Da zona arancione a zona gialla: le regioni che potrebbero cambiare colore dall'11 dicembre

A tal fine, è obbligatorio esporre un cartello che indichi il numero massimo di persone che possono essere contemporaneamente presenti all’interno dei locali. Infine, è previsto l’uso obbligatorio di mascherine e guanti per i lavoratori e quello del gel per disinfettare le mani e dei guanti monouso, particolarmente negli esercizi di vendita di generi alimentari e bevande, da mettere a disposizione in prossimità delle casse e dei sistemi di pagamento, nonché, ove possibile, individuare percorsi diversi per entrate e uscite.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La multa al minimarket per le troppe persone all'interno del locale

Today è in caricamento