Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca / Milano

"Coppia dell’acido", è nato il figlio di Martina e Alexander

Il piccolo è nato poco prima dell'una della notte di Ferragosto. Pesa tre chili e mezzo e sta bene. Martina Levato è stata assistita da sua madre. Alexander, invece, è dovuto restare in carcere

MILANO - Accanto a lei, in sala parto, ha avuto soltanto sua madre. Il padre del piccolo, invece, non ha potuto assistere, perché il giudice non gli ha concesso di uscire dal carcere.  E’ nato nella notte tra venerdì e sabato Achille, il figlio di Martina Levato e Alexander Boettcher, i due amanti condannati a quattordici anni per aver sfigurato con l’acido lo studente Pietro Barbini, un ex compagno di scuola della ragazza. 

TRE CHILI E MEZZO - Il piccolo, che pesa tre chili e mezzo e sta bene, è stato trasferito in una culla della clinica Mangiagalli, dove Martina era arrivata giovedì sera su decisione del pm, Marcello Russo, convinto che la struttura di via della Commenda fosse la migliore della città e la più attrezzata per rispondere alle necessità del caso. 

CON MARTINA LA MAMMA - Accanto a Martina, per tutto il tempo, c’è stata sua madre. Mentre Alexander è stato costretto a restare in carcere, perché il Riesame aveva detto no alla sua richiesta di poter assistere al parto.  

E ORA? - Martina Levato, la ragazza condannata per le aggressioni con l'acido, e il suo bambino, non potranno stare insieme fino a una decisione del Tribunale dei minori, che avverrà in tempi brevi nell'ambito di un procedimento per l'adottabilità. Sono le indicazioni date dal pm di turno dei minori, Annamaria Fiorillo, e che - è stato spiegato - sono "di prassi" in casi delicati come questo. (da Milano Today)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Coppia dell’acido", è nato il figlio di Martina e Alexander

Today è in caricamento