Giovedì, 25 Febbraio 2021
Brescia

"Ho curato un negazionista, credeva che il coronavirus fosse solo fantasia"

"Quando ha capito che il virus esiste si è spaventato", racconta Renzo Rozzini, primario del reparto di geriatria della clinica Poliambulanza di Brescia

Un paziente in cura alla Poliambulanza di Brescia (foto d'archivio)

Cosa succede quando un negazionista si ammala di Covid-19? Lo ha spiegato Renzo Rozzini, primario del reparto di geriatria della Poliambulanza di Brescia. Il dottore ha raccontato all'Ansa di aver curato un negazionista positivo al coronavirus, che non aveva mai preso in considerazione la possibilità di potersi ammalare: "Non aveva neppure messo in conto che il covid potesse raggiungerlo. Credeva fosse una fantasia", ha detto il primario.

"Ha capito che il virus esiste davvero"

"Questo paziente, 60 anni non ancora compiuti, sapeva di essere malato perché non stava bene - ha spiegato ancora Rozzini -, ma non aveva minimamente calcolato la gravità della situazione. Quando gli abbiamo detto che era positivo al covid e che doveva iniziare la cura, si è spaventato e ha capito che il virus esiste davvero e, soprattutto, ha smesso di sottovalutare la pandemia". Il primario non ha poi nascosto la sua preoccupazione per l'attuale situazione in Italia: "In primavera eravamo davanti a dei focolai più o meno grandi. Ora l'intero Paese è alle prese con il virus. Sei mesi fa poi andavamo verso la stagione calda mentre oggi siamo quasi in inverno e temo la continua crescita del contagio".

Secondo l'ultimo bollettino, sono 4.128 i nuovi positivi in tutta la Lombardia, con 99 morti di cui 17 in provincia di Brescia. I nuovi casi divisi per provincia: 1.526 a Milano di cui 522 in città, 764 a Monza e Brianza, 723 a Varese, 228 a Brescia, 193 a Como, 177 a Bergamo, 158 a Lecco, 106 a Cremona, 95 a Pavia, 24 a Lodi, 19 a Mantova, 11 a Sondrio. Nel bresciano nuovi contagi in oltre 90 comuni. Nel dettaglio:

  • 48 a Brescia;
  • 10 a Montichiari;
  • 6 a Castenedolo;
  • 5 a Cividate Camuno, Desenzano del Garda, Gardone Valtrompia e Nuvolento;
  • 4 a Bedizzole, Ghedi, Milzano, Monno e Roncadelle;
  • 3 a Borgosatollo, Botticino, Capo di Ponte, Corteno Golgi, Castrezzato, Cazzago San Martino, Flero, Padenghe, Rodengo Saiano, Sabbio Chiese e Travagliato;
  • 2 a Artogne, Azzano Mella, Bienno, Calvisano, Capriano del Colle, Castelcovati, Coccaglio, Concesio, Darfo Boario Terme, Gambara, Gottolengo, Gussago, Isorella, Lonato, Malonno, Ospitaletto, Rovato, San Zeno, Soiano, Toscolano Maderno, Villanuova e Vobarno;
  • 1 a Adro, Bagnolo Mella, Barghe, Berzo Inferiore, Borno, Bovezzo, Breno, Carpenedolo, Castegnato, Castelmella, Cevo, Comezzano Cizzago, Esine, Gianico, Leno, Limone, Lumezzane, Mairano, Manerba, Marmentino, Marone, Mazzano, Niardo, Palazzolo sull'Oglio, Piancogno, Pisogne, Polaveno, Poncarale, Pontevico, Pozzolengo, Pralboino, Prevalle, Quinzano d'Oglio, Sale Marasino, Salò, San Paolo, Sarezzo, Sellero, Serle, Trenzano, Verolanuova e Villa Carcina.

Salvatore Arduino: quando il negazionista è un infermiere del 118

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ho curato un negazionista, credeva che il coronavirus fosse solo fantasia"

Today è in caricamento