rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Città

Incidenti al cantiere No Tav con 'bombardamento' di fuochi d'artificio, denunciati 76 attivisti

Gli scontri durante le manifestazioni organizzate il 7 e l'8 settembre dai collettivi studenteschi vicini al centro sociale Askatasuna di Torino

Sono 76 le denunce alla Procura della Repubblica dalla Questura di Torino contro militanti No tav per i reati commessi "taluni con modalità particolarmente violente" in occasione delle manifestazioni tenutesi a Chiomonte, a Torino, il 7 e l'8 settembre scorso nell'ambito del campeggio studentesco dei giovani No-Tav organizzato dai "Kollettivi Studenteschi Autonomi" vicini al centro sociale "Askatasuna". Diversi i reati contestati: per 19 attivisti le denunce riguardano entrambe le manifestazioni, tra questi, in particolare, figurano alcuni appartenenti al centro sociale antagonista già sottoposti ad un "avviso orale" per fatti analoghi commessi in occasione di altre manifestazioni.

Il 'bombardamento'

Gli episodi contestati dalla Digos di Torino si sono verificati nella serata del 7 settembre quando circa 100 manifestanti, tra cui appunto diversi militanti dell'Askatasuna e del movimento No-Tav, hanno raggiunto la frazione Gravella di Chiomonte, dove era stato dislocato uno sbarramento di cemento armato con rete metallica con lo scopo di impedire attacchi al cantiere, i cui lavori i dimostranti vogliono interrompere. Lì hanno iniziato ad ammassare legna a ridosso dello sbarramento stesso per poi dargli fuoco. Nell'azione sono stati esplosi anche diversi fuochi d'artificio che sono stati sparati contro la polizia a mo' di 'bombardamento'. Altri attivisti, utilizzando delle tronchesi e alcune tavole di legno, hanno raggiunto la struttura metallica e a quel punto la polizia è intervenuta con gli idranti per allontanarli e per spegnere il fuoco. Tra i diversi reati contestati a carico degli indagati ci sono l'inottemperanza di un provvedimento dell'Autorità, le accensioni ed esplosioni pericolose, il danneggiamento e l'inottemperanza al "foglio di via".

Seghe elettriche per violare il cantiere

Per quanto riguarda la giornata di sabato 8 settembre, le denunce sono state emesse a carico di manifestanti che, muniti di una a sega elettrica e di tronchesi, hanno tentato di danneggiare un'altra struttura metallica in prossimità del cantiere di Chiomonte, cercando di creare un varco per oltrepassare lo sbarramento ancora una volta con lo scopo di raggiungere il cantiere. Per questi eventi sono stati complessivamente denunciati alla Procura di Torino 50 partecipanti all'iniziativa. Le posizioni di alcuni indagati sono al vaglio della Divisione Anticrimine della Questura per eventuali ulteriori provvedimenti nei loro confronti.

Leggi la notizia e guarda il video su Torino Today

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti al cantiere No Tav con 'bombardamento' di fuochi d'artificio, denunciati 76 attivisti

Today è in caricamento