rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Pordenone

No vax volevano occupare l'ospedale, bloccati dalla polizia: c'era anche Stefano Puzzer

Sventata l'azione dei manifestanti no vax. La digos ha intercettato i messaggi sui social che invitavano a presentarsi di fronte all'ospedale per sostenere il personale sanitario sospeso dal servizio. Ad arringare la folla c'era anche il portuale e leader della protesta contro il green pass Puzzer

Volevano occupare la direzione sanitaria dell'ospedale civile di Pordenone ma l'assalto dei no vax è stato sventato dalla questura. Monitorando i siti di area, gli agenti della digos della questura di Destra Tagliamento hanno scoperto come via social si fosse diffusa nella notte l'iniziativa da parte di un gruppo di manifestanti no vax di presentarsi davanti all'ospedale, per sostenere il personale sanitario sospeso dal servizio, in occasione dell'entrata in vigore dell'obbligo vaccinale per alcune categorie.

Tre distinti servizi di sicurezza sono stai quindi attivati all'ospedale civile, la cittadella della salute dove è attivo il polo vaccinale e presso la direzione generale dell'azienda sanitaria. La manifestazione no vax, non preavvisata, è stata quindi bloccata sul nascere.

Un centinaio di manifestanti sono stati bloccati dalla polizia davanti al piazzale dell'ospedale, sono stati identificati e invitati ad allontanarsi. Una persona è stata accompagnata in questura perché ha rifiutato l'identificazione e continuato a non indossare la mascherina ed è stato quindi sanzionato. I manifestanti saranno denunciati per manifestazione non preavvisata oltre che per le violazioni in materia di Covid che saranno verificate.

Foglio di via per Stefano Puzzer

Tra i manifestanti c'era anche Stefano Puzzer, portuale e leader della protesta contro il green pass. Puzzer è stato accompagnato in Questura dagli agenti presenti sul posto. Il portuale era arrivato quando già la manifestazione si stava concludendo. Ha arringato i presenti prima di accettare l'invito degli agenti della digos a seguirli in Questura.

Secondo quanto apprende l'Ansa da fonti qualificate, il questore ha disposto per Puzzer il foglio di via obbligatorio per tre anni dal comune di Pordenone.

"Necessario adottare il pugno duro"

"È necessario adottare il pugno duro contro chi è passato da un dissenso legittimo alla messa in atto di azioni violente, inqualificabili e pericolose", ha commentato l'assessore del Friuli Venezia Giulia alla sicurezza, Pierpaolo Roberti, congratulandosi con le forze dell'ordine per aver sventato l'azione pianificata dai no vax. "La sola idea che un'azione di questo tipo che possa andare a buon fine mette i brividi - ha aggiunto Roberti - Se quanto pianificato fosse stato attuato avrebbe infatti compromesso l'operatività di una struttura sanitaria che per sua natura deve rispondere alle esigenze immediate dei cittadini, nella quale in caso di rallentamenti si generano effetti immediati e gravi sulla salute e, spesso, sulla vita stessa dei pazienti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No vax volevano occupare l'ospedale, bloccati dalla polizia: c'era anche Stefano Puzzer

Today è in caricamento