rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Città Ascoli Piceno

Ascoli, si cercano i piloti dispersi: "Non ci sono superstiti"

I due tornado si sono scontrati in volo. Erano in missione di addestramento a bassa quota. Un testimone: "Li ho visti scontrarsi da direzioni diverse"

ASCOLI - Sono stati ritrovati i corpi di due dei quattro piloti che viaggiavano a bordo dei due tornado schiantatisi ieri pomeriggio in volo nei cieli sopra Ascoli. Il primo corpo, carbonizzato, era nella zona di Tronzano e sembra che i resti fossero nella fusoliera di uno dei due caccia. Il secondo cadavere era in località Poggio Anzù, tra i resti di uno dei due tornado esplosi. Si cercano ancora gli altri due militari dispersi.

A bordo del primo velivolo c'erano il capitano pilota Alessandro Dotto (31 anni di Ivrea) e il capitano navigatore Giuseppe Palminteri (36 anni di Palermo), sul secondo il pilota Mariangela Valentini (32 anni di Borgomanero in provincia di Novara) e il navigatore Paolo Piero Franzese (35 anni di Benevento).

L'Aeronautica stamattina ha diramato un comunicato: «Escludiamo che i piloti dispersi a seguito dell’incidente aereo siano ancora vivi. Continuiamo le ricerche su una vasta area, che è ancora interessata da focolai di incendi ma è molto difficile che si possano ritrovare nella zona devastata dalle fiamme, ancora in vita».

ascoli piloti-3

L'INCHIESTA - Prosegue, nel frattempo, l'azione della commissione d'inchiesta nominata dalla forza armata per fare luce sull'accaduto. Già nel pomeriggio di ieri un team di esperti della sicurezza del volo aveva raggiunto il luogo dell'incidente per i primi rilievi ed i coordinamenti con le forze di intervento coinvolte. È atteso nelle prossime ore sul posto il capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, generale di squadra aerea Pasquale Preziosa.

LA RICOSTRUZIONE - I caccia, provenienti da direzioni diverse, si sono scontrati in volo. Una collisione durante una missione di addestramento a una quota di 500 metri. I due velivoli, appartenenti al 6° Stormo, si erano levati in volo dalla base militare di Ghedi (Brescia) per una missione di addestramento in vista di un’esercitazione Nato in autunno. Sarebbero dovuti tornare alla base in serata. Testimoni avrebbero visto lanciarsi tre dei quattro aviatori. Un paracadute è stato localizzato. Alcuni testimoni raccontano di avere visto i due velivoli toccarsi. Uno dei due aerei ha preso fuoco ed entrambi sono precipitati. In mattinata nell’area di Casamurana, dove si sono concentrate le ricerche, è stato ritrovato il tesserino plastificato con foto del capitano Giuseppe Palminteri.

LE PRIME IMMAGINI DELL'INCIDENTE AEREO

ascoli jet2-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ascoli, si cercano i piloti dispersi: "Non ci sono superstiti"

Today è in caricamento