Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Città Sassari

Antonietta Canu, trovata morta in un cespuglio un mese dopo la scomparsa: svolta improvvisa nelle indagini

Il nipote di 34 anni che viveva con lei a Maristella, borgata di Alghero, è indagato per omicidio volontario

C'era evidentemente qualcosa di anomalo in quel ritrovamento a pochi passi dalla borgata. L'avevano infatti cercata per settimane in tutta la zona. Oggi la svolta. Si indaga per omicidio sul caso di Antonietta Canu, la donna di 71 anni di Alghero, scomparsa da casa il 13 luglio, il cui cadavere è stato ritrovato il 4 settembre, in avanzato stato di decomposizione, a Maristella, un pugno di case che si affacciano sulla baia di Porto Conte. Ieri sul corpo della donna è stata eseguita l'autopsia, dalla quale sarebbero emersi elementi che fanno ipotizzare un omicidio.

C'è già un indagato: A.C., di 34 anni, nipote della vittima. Il nipote viveva con la zia nella casa di Maristella (Alghero): il sostituto procuratore di Sassari, Enrica Angioni, lo ha iscritto nel registro degli indagati dopo il ritrovamento del cadavere e dopo che l'uomo ha risposto in maniera poco convincente alle domande dei carabinieri. L'ipotesi di reato è omicidio volontario.

L’uomo, difeso dall’avvocato Valentina Porcu, era stato interrogato dai carabinieri di Alghero subito il ritrovamento del corpo della zia in avanzato stato di decomposizione. La sua ricostruzione delle prime fasi della scomparsa di Antonietta Canu aveva lasciato troppi interrogativi. Gli inquirenti sospettano che Antonietta Canu sia stata uccisa, il suo corpo tenuto nascosto da qualche parte per settimane e poi portato nel luogo dove è stato ritrovato il 4 settembre, un grosso cespuglio di lentisco . La relazione sulla perizia necroscopica sarà consegnata alla Procura entro due mesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonietta Canu, trovata morta in un cespuglio un mese dopo la scomparsa: svolta improvvisa nelle indagini

Today è in caricamento