rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca / Milano

Agguato a padre e figlio davanti azienda: un morto

I killer hanno aperto il fuoco contro i due mentre erano nel cortile interno della ditta. Il padre è morto, il figlio non è in pericolo di vita

MILANO - Forse era finito nel giro sbagliato. Forse era entrato, per ragioni ancora poco chiare, nella faida tra famiglie pugliesi per il controllo dello spaccio di droga. Quello che è certo è che Franco Cangini, l'uomo che stamattina è stato ucciso davanti alla sua azienda di Seguro, frazione di Settimo Milanese, alle porte di Milano, è finito in un agguato in piena regola. 

Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, infatti, i killer avrebbero colpito l'uomo e il figlio Igor, solo ferito, mentre i due erano nel cortile interno della loro ditta che si occupa di rifiuti. A dare l'allarme sono stati i residenti di zona quando, intorno alle sette, hanno sentito esplodere colpi d'arma da fuoco. 

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, l'uomo, 48 anni, e il figlio, 26, erano ancora vivi. Il padre è stato portato in codice rosso al San Carlo di Milano: ma è morto all'arrivo in ospedale. Il più giovane, invece, è stato trasportato in codice giallo all'ospedale Sacco dove si trova ricoverato. (da MilanoToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato a padre e figlio davanti azienda: un morto

Today è in caricamento