Mercoledì, 14 Aprile 2021

Ucciso mentre passeggia con il figlioletto: preso il presunto killer

A otto anni dall'omicidio, è stato individuato il presunto killer di Carmelo Polito, vittima di un agguato nel marzo 2011 a San Gregorio D'Ippona, in provincia di Vibo Valentia

Foto di repertorio Ansa

Venne ucciso in pieno giorno mentre camminava tenendo per mano il figlio di sei anni da una persona che insieme ad un complice gli arrivò alle spalle e sparò incurante della presenza del bambino, il quale si salvò perché non venne colpito. Morì così Carmelo Polito, vittima di un agguato nel marzo 2011 a San Gregorio D'Ippona, in provincia di Vibo Valentia. Oggi i carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, al termine di indagini coordinate dalla Dda di Catanzaro, hanno arrestato il presunto autore dell'omicidio.

Omicidio Carmelo Polito: arrestato il presunto killer

A sparare, secondo quanto emerso dalle indagini, sarebbe stato Francesco Pannace, 32 anni, già detenuto perché coinvolto in un altro delitto. La svolta, per gli inquirenti, sarebbe arrivata grazie ad alcune immagini video che hanno immortalato i due sicari. All'origine del delitto, secondo gli investigatori, potrebbe essere stato uno schiaffo dato dalla vittima due anni prima allo zio del presunto omicida, oltre a dei "buffetti sulla guancia a mo' di richiamo" dati ad un presunto boss in carcere, come riferito agli inquirenti da un collaboratore di giustizia.

La vittima, spiegano gli inquirenti, "era considerata aggressiva e prepotente, solita ad andare in giro a chiedere soldi o a prendersi le cose senza pagare il prezzo". Un atteggiamento che avrebbe creato malcontento tra gli abitanti del paese. Quando fu ucciso, Polito era da poco uscito dal carcere psichiatrico di Barcellona Pozzo di Gotto. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso mentre passeggia con il figlioletto: preso il presunto killer

Today è in caricamento